Beigua Geopark in inverno

Beigua Geopark in inverno
Spread the love

Nuova stagione e tanti programmi

Tutto è tranquillo, c’è pace… quiete… La vegetazione riposa fra il gelo e la neve (finora poca), molti animali sono in letargo e la natura invita a muoversi a passo lento per godere nel silenzio e a curare con lo sguardo ogni particolare che essa offre.

Giochi di luce, cielo e nuvole, tracce nel sottobosco, queste le grandi atmosfere che si vivono sui boschi del nostro entroterra e l’Ente Parco programma le attività di questi mesi dell’anno: <<I trekking fotografici, con il primo appuntamento dell’anno dedicato alla magia dell’alba sul crinale – spiegano i responsabili del Beigua -, poi tante escursioni, da quelle più impegnative alle uscite adatte a tutta la famiglia, pronte a trasformarsi in ciaspolate se avremo una stagione ricca di neve e i pomeriggi nella Foresta della Deiva con i laboratori didattici per i Junior Geoparker. Emozioni di giornate invernali che possono anche diventare protagoniste della seconda edizione del Concorso Fotografico #ScattailBeigua: fino al 20 febbraio tutti potranno partecipare inviando fino a tre scatti che raccontino il Parco in inverno>>.

<<Quando poi i rigori invernali inizieranno a cedere il passo al clima più mite – continuano -, inizierà la straordinaria stagione delle migrazioni: dopo la prima metà di febbraio aspetteremo l’arrivo delle chiassose gru, per rivivere insieme l’esperienza del monitoraggio social degli stormi, che lo scorso anno con l’iniziativa #GruNelBeigua ha coinvolto tanti appassionati osservatori che ci hanno fornito preziose indicazioni sui passaggi. E poi arriveranno i maestosi rapaci, capeggiati dal Biancone, che per settimane attraverseranno i cieli del Parco diretti ai siti di nidificazione; momenti emozionanti che condivideremo insieme nel Biancone Day ed in altre iniziative a tema ornitologico insieme ai nostri esperti>>.

Ma la grande novità primaverile sarà il Contest fotografico dedicato ai rapaci che coinvolgerà direttamente i fotografi naturalisti appassionati di birdwatching. <<Già, dal 1 marzo al 31 maggio il Parco del Beigua diventerà scenario perfetto per scatti d’autore. Non saranno ammesse foto d’archivio, ma solo scatti di rapaci in volo ripresi nel periodo di apertura del contest e la specie ritratta dovrà occupare almeno il 50% del frame. Potrebbe essere – concludono – l’occasione giusta per soggiornare nel Rifugio del Parco a Case Vaccà, base di partenza ideale per raggiungere i migliori punti di osservazione>>.

Dal regolamento agli appuntamenti, tutto su www.parcobeigua.it

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *