Calcio serie A, il punto in alto

Calcio serie A, il punto in alto
Spread the love

Sugli scudi Inter Juventus Lazio Atalanta, cedono Roma Cagliari Napoli

La Befana del calcio ha portato conferme e certezze che di solito, dopo le vacanze natalizie, palesano squadre in condizioni fisiche approssimative, specie nelle squadre al vertice.

Inter, Juventus, Lazio e Atalanta hanno vinto alla grande dimostrando continuità di gioco e attacchi micidiali, mentre la Roma appare sempre più un’incompiuta, quando dovrebbe spiccare il volo si squaglia, stavolta di fronte al proprio pubblico.

L’Inter ha messo un punto esclamativo sul campionato: “Ci sono, ci resto e me lo gioco ‘sto scudetto” in perfetto credo Conte. Specie ora che son tornati Barella e Sensi, oltre a Sanchez. Il mercato di gennaio potrebbe anche non servire.

La Juventus ha giocato la più bella gara del campionato: 90 minuti di intensità, sempre in palla, con un centrocampo attento e di sostegno alla accorta difesa. I goal dell’attacco ne sono la conseguenza. Certo, il Cagliari (tre sconfitte e un pareggio nelle ultime quattro partite) sta pagando il profumo dell’alta classifica in un percorso autunnale di grande livello e di grosso sforzo, la sfida di domenica a Roma dirà se la Signora è sulla strada giusta.

La Lazio è in grande salute e l’aver alzato la Supercoppa, dimostrando di essere l’unica in grado di strappare trofei alla Juventus, le ha dato una grossa autostima. Ha una partita da recuperare e potrebbe essere una spina romana nel fianco dell’asse torinese-milanese.

Sull’Atalanta i discorsi si sprecano da anni: è sempre lì nelle prime posizioni, gioca bene e si diverte, vende e cambia giocatori trovando sempre ottimi compagni per quei tre o quattro che formano lo zoccolo duro di Gasperini. Una società e una squadra che si assomigliano molto: ottima gestione, a prescindere se sarà la Champion o l’Europa.

Della Roma e del Cagliari si è detto, mentre la sconfitta di ieri del Napoli pare una sentenza di addio alla Champion. E’ una squadra che non ha saputo rinnovarsi sia a livello societario sia in quello tecnico. In campo ci vanno i giocatori, considerare Ancelotti il suo top player è stato un grosso errore. Vero è che il suo presidente ha saputo stare al vertice per un decennio, e non è poco, ma ora ha la palla bollente fra i piedi e dovrà decidere dove calciarla.

Insomma, un bel campionato al vertice, con certezze e incertezze che si incrociano ogni giornata, in attesa degli impegni infrasettimanali delle coppe che potrebbero spezzare qualche equilibrio.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *