San Martino con Gaslini e Università nel “Big data” per la cura delle malattie del sistema nervoso

San Martino con Gaslini e Università nel “Big data” per la cura delle malattie del sistema nervoso
Spread the love

Sei centri insieme per migliorare Alzheimer, Parkinson, Sla, sclerosi multipla, tumori cerebrali

L’obiettivo del progetto NeuroArt P3, guidato dall’Irccs Ospedale Policlinico San Martino e co-finanziato dal Ministero della Salute e dalle Regioni dei centri partner, è quello di condividere in modo strutturato dati clinici per migliorare la capacità di prevedere, prevenire e curare malattie come Alzheimer, Parkinson, Sla, sclerosi multipla e tumori cerebrali, riducendo il loro impatto sul sistema sanitario nazionale.

Prende quindi il via il programma triennale coordinato dal San Martino, che coinvolge il Gaslini e l’Università di Genova, la Fondazione Bruno Kessler e l’Azienda provinciale per i Servizi sanitari di Trento, in collaborazione con TrentinoSalute4.0 (Centro di competenza sulla Sanità digitale), l’Unità di Neuroradiologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano e il Don Gnocchi di Firenze.

Lo scopo del progetto è ottimizzare l’utilizzo dell’ingente quantità di dati clinici e migliorare la gestione di malattie del sistema nervoso centrale, raccogliere il più alto numero di informazioni possibili (Big Data) di tipo epidemiologico, clinico, e laboratoristico per elaborare, attraverso tecniche di intelligenza artificiale, algoritmi matematici volti a individuare modelli di prognosi di malattia e di risposta alle terapie.

I big data rappresentano uno dei nodi più delicati per le organizzazioni sanitarie: le informazioni cliniche sono in costante crescita, soprattutto per le malattie croniche e multifattoriali, provengono da più fonti e sono spesso codificati e memorizzati in formati e supporti diversi.

Per essere utilizzati al pieno delle loro potenzialità, richiedono rapide elaborazioni, un’architettura uniforme oltre a piattaforme digitali e competenze matematiche e cliniche specifiche.

<<Condividiamo l’intento del Ministero della Salute di uniformare la mole di dati clinici, e di laboratorio che abbiamo a disposizione nei nostri Centri quando si parla di malattie neurologiche, quali Alzheimer, Parkinson, Sla, Sclerosi multipla e tumori cerebrali. Grazie alle attuali tecnologie digitali, possiamo elaborare le informazioni con maggior accuratezza e ricavare indicazioni per orientare strategie di intervento e ambiti di ricerca>> afferma Antonio Uccelli, Direttore Scientifico del Policlinico San Martino, Professore Ordinario presso l’Università di Genova e coordinatore del programma di rete.

Il progetto ha ottenuto 2,4 milioni di euro provenienti per metà dal Ministero della Salute e per l’altra metà da Regione Liguria, Provincia autonoma di Trento, Regione Lombardia e Regione Toscana.

Il punto di partenza di NeuroArt P3, è quindi digitalizzare, standardizzare e organizzare i dati dei pazienti con malattie del sistema nervoso centrale provenienti dai centri clinici coinvolti nello studio.

L’obiettivo finale è sviluppare modelli predittivi e algoritmi che mettano in relazione il quadro clinico con la successiva evoluzione di malattie così complesse, per una cura sempre più personalizzata: una sfida che apre nuove prospettive per la cura delle malattie neurologiche.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *