Valli Stura e Orba “Non siamo cittadini di serie B”

Valli Stura e Orba “Non siamo cittadini di serie B”
Spread the love

Il Gruppo Viabilità Valli Stura ed Orba furibondo per la mancata esenzione del pedaggio sulla tratta della A26 da Genova Prà in avanti

<<Dopo qualche giorno di disagi sulla A7 e A12 causati dai propri cantieri, Aspi ha deciso di esentare i cittadini dal pagamento del pedaggio estendendo la gratuità fino a Rapallo – affermano dal Gruppo delle Valli Stura e Orba che da anni si batte per la viabilità della zona -.

Rallegrandoci per gli utenti di quel tratto, non possiamo però non domandarci perché la stessa cosa non sia stata applicata anche al tratto Genova Prà – Ovada, dove la situazione è tutt’altro che rosea, con numerosi cantieri e conseguenti scambi di carreggiata e restringimenti di corsia che rallentano il deflusso dei mezzi>>.

Ma la decisione che più ha fatto infuriare è questa…

<<Con una decisione al limite del paradossale – prosegue il Gruppo -, risulta esentato il pedaggio cittadino se si entra in una stazione della A10 (es. Genova Aeroporto) e si esce ad Ovada, ma invece il pedaggio è ancora applicato sulla tratta della A26 da Genova Prà in avanti>>.

Cui fa seguito l’annosa questione Gnocchetto, chiuso ormai da tempo.

<<Non si può – continuano – non considerare la gravità della situazione complessiva sul tratto Ovada-Masone, dove ai disagi autostradali si aggiunge la chiusura della SP456 a causa della frana in località Gnocchetto, limitando gravemente la possibilità di spostamento.

Cosa che ha portato già da tempo alla richiesta di esenzione del pedaggio autostradale della tratta in questione da parte dei nostri sindaci dell’Unione Sol. Chiediamo che questa incresciosa situazione venga quantomeno mitigata con qualche accorgimento che allevi i disagi degli utenti che da troppo tempo ormai subiscono questo stillicidio e con l’esenzione del pagamento del tragitto autostradale.

Non siamo – concludono dal Gruppo – e non vogliamo essere considerati cittadini di serie B!>>.

Sul problema è intervenuto anche il consigliere regionale e presidente della III commissione Attività produttive Alessio Piana (Lega)

“Bene le esenzioni dei pedaggi autostradali da Prà e da Bolzaneto fino a Rapallo, ma manca ancora quella per l’intera percorrenza della tratta Ovada-Masone-Genova Prà. In questa zona del nostro entroterra, infatti, continuano a essere presenti cantieri in autostrada e la viabilità è compromessa anche per via dell’interruzione della statale 456 del Turchino in seguito alla frana del Gnocchetto.

I residenti delle Valli Stura, Orba e Leira, che finora sono stati costretti a subire forti disagi, non possono continuare a essere penalizzati e quindi occorre che il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) e Autostrade per l’Italia (Aspi) prevedano di estendere la gratuità, al più presto, a partire dal casello di Ovada.

In tal senso ho già predisposto un’interrogazione da discutere in consiglio regionale. Le valli del nostro entroterra devono avere l’attenzione che meritano da parte del Mit e di Aspi”.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *