Attualità: Salvini e i pompieri

Salvini incontra i pompieri di Albenga


Il Corpo dei Vigili del Fuoco presenta al ministro le pessime condizione della sede 

Albenga - domenica 12 maggio

<<Un incontro che ha prodotto spunti interessanti, dove la politica dovrebbe staccare la spina della campagna elettorale permanente e affrontare i veri problemi che affliggono i Pompieri. 

Una sede quella di Albenga che rappresenta il vero volto disperato del Corpo Nazionale dove si combatte il tremendo rapporto Cittadino Soccorritore 15000:1, una sede che assomiglia alla prima casetta dei tre porcellini dove il lupo, che rappresenta il clima in continua trasformazione, potrebbe spazzare via con un soffio violento e deciso... 

Quale prospettive ci possiamo aspettare dal governo del cambiamento? Invitiamo a diffidare il ministro e i vari sottosegretari ad ascoltare le voci di chi è pronto a svendere il corpo per interessi personali di carriera, dove i rivoluzionari sono esposti al supermercato, prezzati e pronti ad essere comprati. 

Il sindacato combatte le riforme tramite la “non firma del contratto marchetta Gentiloni” e con le piazze. Ieri il ministro ha eseguito un volo pindarico con una presa di coscienza che confidiamo si traduca in atti concreti. Siamo la solitaria organizzazione sindacale che ha prodotto con la lotta l'attivazione di uno studio per costruire una nuova sede. 

In attesa del nuovo comandante di Savona, del nuovo sindaco di Albenga, del ministro Salvini... poniamo le basi per nuove piazze e nuovi confronti con l'auspicio che le piante organiche a Savona e nel resto d'Italia vengano messe in discussione mediante l'apertura del contratto scaduto e si posi finalmente il primo mattone per una nuova sede del territorio albenganese>>.

USB Vigili del Fuoco Provinciale