Sport: Juventus e Allegri, addio!

Venerdì 17. Juventus - Allegri divorzio ufficiale


La “Nota” societaria è delle 12:48: <<Massimiliano Allegri non siederà sulla panchina della Juventus nella prossima stagione 2019/2020. L’allenatore e il Presidente, Andrea Agnelli, incontreranno insieme i media in occasione della conferenza stampa, che si terrà domani, sabato 18 maggio, alle ore 14 presso la sala conferenze dell’Allianz Stadium>>

Dalla Continassa arrivano con queste righe l'annuncio e l’invito alla conferenza di domani, dove probabilmente si lasceranno in buoni rapporti spiegandoci di una separazione dovuta a visione e gestione della squadra su linee diverse.

Altro non sarà che la verità! 

Tranne che in rari appuntamenti (Valencia, Atletico Madrid per la Champion, e pochi match di campionato) il gioco espresso ha lasciato molto a desiderare. Una squadra dalla rosa di qualità messa in campo col freno tirato, con fraseggi spesso stucchevoli e senza quelle accelerazioni che, specie in Europa, portano alla vittoria. Poi i giocatori: troppa insistenza nel mettere in campo figure stanche o fuori forma come De Sciglio, Pjanic, Alex Sandro, Mandžukić, Bonucci. Al contrario poche presenze per giocatori che avrebbero potuto dare più entusiasmo e forza come Dybala, Spinazzola, Kean, Cancelo, Benatia, Rugani, di conseguenza anche diminuiti di valore. Poi non va scordato che la scorsa estate la dirigenza ha fornito ad Allegri cinque nuovi big come Ronaldo, Emre Can, Cancelo, Bonucci, Spinazzola. E' stato conquistato l'ottavo scudetto consecutivo, vinto con ben quattro mesi di anticipo, ma pessime uscite da Champions e Coppa Italia. E poi tanti (troppi!) infortuni per una preparazione da registrare, così come da rivedere è l’intero staff che ha condotto la gestione atletica della squadra.

Insomma, dopo cinque anni con altrettanti scudetti, quattro Coppa Italia e due SuperCoppa nazionali, il divorzio era nell'aria, con tutti gli onori e meriti a Mister Allegri augurandogli altri successi, ma la Juventus deve puntare sempre più in altro, svecchiando e ottimizzando la rosa senza doverla stravolgere poiché già importante.

Agnelli, Paradici e Nedvěd, avranno già trovato il nuovo Mister che forse sarà annunciato domani o più probabilmente la prossima settimana.

 

G. D.