I vaccini funzionano contro tutte le varianti. Nessuna esclusa

I vaccini funzionano contro tutte le varianti. Nessuna esclusa
Spread the love

“Vaccinare più persone possibili è lo strumento migliore per combattere le varianti”

Lo afferma il prof. Matteo Bassetti, professore ordinario Unige e Direttore Clinica Malattie Infettive Ospedale Policlinico San Martino.

E lo fa presentando “Lo studio inglese che dimostra che due dosi di vaccini (Pfizer e AstraZeneca) funzionano con la variante indiana (B.1.617.2)”.

“Vaccinare più persone possibili – spiega Bassetti – è lo strumento migliore per combattere le varianti”.

Questo il comunicato stampa dell’ufficio stampa Public Health England pubblicato ieri

Vaccini altamente efficaci contro la variante B.1.617.2 dopo 2 dosi

Un nuovo studio della PHE mostra per la prima volta che 2 dosi dei vaccini Covid-19 sono altamente efficaci contro la variante B.1.617.2 identificata per la prima volta in India.

L’efficacia del vaccino contro la malattia sintomatica dalla variante B.1.617.2 è simile dopo 2 dosi rispetto alla variante B.1.1.7 (Kent) dominante nel Regno Unito, e ci aspettiamo di vedere livelli ancora più elevati di efficacia contro l’ospedalizzazione e la morte.

Lo studio ha rilevato che, per il periodo dal 5 aprile al 16 maggio:

  • il vaccino Pfizer-BioNTech era efficace all’88% contro la malattia sintomatica dalla variante B.1.617.2 2 settimane dopo la seconda dose, rispetto al 93% di efficacia contro la variante B.1.1.7;
  • 2 dosi del vaccino AstraZeneca erano efficaci al 60% contro la malattia sintomatica dalla variante B.1.617.2 rispetto all’efficacia del 66% contro la variante B.1.1.7;
  • entrambi i vaccini erano efficaci al 33% contro la malattia sintomatica da B.1.617.2, 3 settimane dopo la prima dose rispetto a circa il 50% di efficacia contro la variante B.1.1.7.

L’analisi ha incluso dati per tutti i gruppi di età dal 5 aprile per coprire il periodo successivo all’emergere della variante B.1.617.2. Comprendeva 1.054 persone confermate con la variante B.1.617.2 attraverso il sequenziamento genomico, inclusi partecipanti di diverse etnie. I dati pubblicati giovedì 20 maggio sull’efficacia del vaccino coprivano il periodo da dicembre per gli over 65.

La differenza di efficacia tra i vaccini dopo 2 dosi può essere spiegata dal fatto che l’introduzione delle seconde dosi di AstraZeneca è stata successiva rispetto al vaccino Pfizer-BioNTech e altri dati sui profili anticorpali mostrano che è necessario più tempo per raggiungere la massima efficacia con AstraZeneca vaccino.

Come per altre varianti, sono previsti livelli di efficacia ancora più elevati contro il ricovero e la morte. Al momento non ci sono casi sufficienti e periodi di follow-up per stimare l’efficacia del vaccino contro esiti gravi dalla variante B.1.617.2. Phe continuerà a valutarlo nelle prossime settimane.

Il segretario per la sanità e l’assistenza sociale Matt Hancock ha dichiarato:

Questa nuova prova è rivoluzionaria e dimostra quanto sia prezioso il nostro programma di vaccinazione Covid-19 nel proteggere le persone che amiamo.

Ora possiamo essere certi che oltre 20 milioni di persone – più di 1 su 3 – hanno una protezione significativa contro questa nuova variante e quel numero sta crescendo di centinaia di migliaia ogni singolo giorno, poiché sempre più persone assumono quella seconda dose vitale. Voglio ringraziare gli scienziati e i medici che hanno lavorato 24 ore su 24 per produrre questa ricerca.

È chiaro quanto sia importante la seconda dose per garantire la protezione più forte possibile contro Covid-19 e le sue varianti – e invito tutti a prenotare nel loro jab quando viene offerto.

La dott.ssa Mary Ramsay, responsabile dell’immunizzazione presso Phe, ha dichiarato:

Questo studio rassicura sul fatto che 2 dosi di entrambi i vaccini offrono alti livelli di protezione contro la malattia sintomatica dalla variante B.1.617.2.

Ci aspettiamo che i vaccini siano ancora più efficaci nel prevenire il ricovero in ospedale e la morte, quindi è fondamentale ottenere entrambe le dosi per ottenere la massima protezione contro tutte le varianti esistenti ed emergenti.

Il ministro per la distribuzione del vaccino Covid-19 Nadhim Zahawi ha dichiarato:

Quasi ogni giorno otteniamo prove sempre più incoraggianti sulla differenza che i nostri vaccini Covid-19 stanno apportando alla vita delle persone – con 13.000 vite salvate e 39.100 ricoveri prevenuti complessivamente.

I dati di oggi sono sbalorditivi e un vero riflesso di quanto sia importante ottenere entrambi i colpi quando vengono offerti.

Incoraggio tutti coloro a cui è stato offerto un appuntamento per prenotare il loro jab il prima possibile e sfruttare appieno gli alti livelli di protezione offerti dai vaccini.

Un’analisi separata della PHE indica che il programma di vaccinazione Covid-19 ha finora prevenuto 13.000 decessi e circa 39.100 ricoveri negli anziani in Inghilterra, fino al 9 maggio.

 

G. D.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *