Genova brevi. Irrompe in una lezione Dad, furto scooter, ruba al bar

Genova brevi. Irrompe in una lezione Dad, furto scooter, ruba al bar
Spread the love

Tre operazioni della Polizia di Stato di cui una della Polfer alla stazione di Principe

Fa “irruzione” in una lezione in DAD e pubblica il video della sua bravata. Denunciato a Rapallo

La Polizia di Stato ha denunciato un 21enne di Rapallo per diffamazione.

Il giovane, qualche giorno fa, dopo aver ottenuto le credenziali di accesso da un amico, ha fatto “irruzione” in una lezione a distanza di una scuola lombarda.

E lo ha fatto lanciando l’audio di un famoso film di animazione doppiato con una bestemmia, registrando il tutto, compresa la reazione contrariata della professoressa.

Non contento ha pensato bene di pubblicare il video su Youtube che in poco tempo è diventato virale, offendendo la reputazione dell’ignara insegnante.

Il ragazzo di Rapallo si è scusato dicendo di non sapere che il suo profilo fosse visibile a tutti.

Se ne va in giro su uno scooter rubato. Denunciato Piazza Cavour ore 11:15

La Polizia di Stato di Genova ha denunciato un italiano di 37 anni per il reato di ricettazione.

Lo hanno notato durante un servizio di controllo del territorio i poliziotti del commissariato Cornigliano. Dopo averlo fermato, l’uomo è parso palesemente agitato e alla richiesta dei documenti ha detto di non avere la patente di guida perché mai conseguita.

E non aveva neppure i documenti del mezzo perché lo scooter gli era stato prestato da un amico di cui non sapeva fornire le generalità.

Gli accertamenti in banca dati hanno permesso di appurare che la moto su cui viaggiava era provento di furto, che l’uomo è un pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e che gli doveva essere notificato un avviso orale emessa il 21 aprile.

La moto è stata restituita alla proprietaria che aveva sporto denuncia di furto lo scorso 27 aprile e il 37enne, oltre alla denuncia per ricettazione e alla notifica dell’avviso orale, è stato anche sanzionato per guida senza patente.

Ritorna in stazione con gli stessi vestiti indossati per rubare. Ladro riconosciuto.

Ha approfittato del giorno di chiusura, lo scorso 25 aprile, per introdursi all’interno del bar “Time Caffè” nell’atrio inferiore della stazione di Genova Principe, forzando indisturbato la porta di ingresso.

Dopo aver rovistato nel locale, si è impossessato di circa 300 euro della cassa e di una dozzina di “gratta e vinci”. Per sua sfortuna è rimasto immortalato sia dall’impianto di videosorveglianza del bar sia da quello della stazione.

Sabato scorso, il ladro si è ripresentato nello scalo ferroviario di Principe indossando gli stessi vestiti e persino la stessa borsa di colore viola che aveva al momento del furto. E’ stato grazie a questo particolare che gli agenti del Reparto Operativo Polfer di Genova Principe lo hanno riconosciuto e fermato mentre stava entrando in un altro bar dello scalo.

Una verifica veloce alle immagini acquisite e i poliziotti hanno avuto la conferma che il fermato era proprio l’autore del colpo al “Time Caffè”.

L’uomo, un genovese di 46 anni senza fissa dimora, già pregiudicato per reati contro il patrimonio, non ha potuto far altro che ammettere le sue responsabilità.

Per lui è scattata una denuncia per furto aggravato.

 

G. D.

Polizia stazioni di Principe e Brignole, che fine settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *