Trasportatore 45enne presenta green pass di un altro, denunciato a Genova

Trasportatore 45enne presenta green pass di un altro, denunciato a Genova
Spread the love

Controlli straordinari del territorio con verifiche misure anticontagio

Genova – Continuano incessanti i controlli straordinari della Polizia di Stato sul territorio genovese, finalizzati alla verifica del rispetto delle attuali normative per il contenimento del contagio da Covid19 e alla prevenzione e repressione dei reati predatori nonché del traffico di stupefacenti.

In particolare, nei giorni scorsi, il Commissariato Genova Prè ha svolto un servizio serale nel centro storico, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine Liguria, ad alcune pattuglie della Questura e a due unità cinofile con i cani Costantin e Leone.

Durante il servizio gli operatori hanno battuto a tappeto le vie più calde, intensificando i controlli nei luoghi di aggregazione, nei pressi di fermate di metropolitane e bus e nelle zone oggetto di segnalazioni di criticità e degrado da parte di associazioni e cittadini residenti. I due poliziotti a 4 zampe, durante il pattugliamento, hanno fiutato in via delle Fontane e in via Gramsci due giovani trovati in possesso di hashish che, considerata la modica quantità, sono stati segnalati alla Prefettura.

Il Commissariato San Fruttuoso, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, si è dedicato alla verifica negli esercizi commerciali con somministrazione di alimenti e bevande, nella zona di Marassi, Quezzi e San Fruttuoso. In totale sono stati 6 gli esercizi controllati, di cui 4 pizzerie, un ristorante e un bar; 84 gli avventori sottoposti a verifica green pass, tutti regolari.

Il Commissariato Cornigliano, anch’esso supportato dal Reparto Prevenzione Crimine Liguria, ha svolto un servizio mirato al controllo degli esercizi in zona Fiumara, riscontrando totale aderenza alla normativa green pass fra tutti gli avventori ed esercenti.

I poliziotti dell’Upg, ieri mattina, hanno invece denunciato per sostituzione di persona un trasportatore di 45 anni che ha cercato di entrare all’interno di una ditta di Sestri Ponente per scaricare della merce, esibendo un green pass intestato ad un’altra persona.

Al confronto dei dati riportati sul certificato verde con i quelli del documento d’identità, il vigilante incaricato del controllo ha chiesto spiegazioni e il 45enne ha ammesso di aver utilizzato il certificato di un suo amico essendone lui sprovvisto poiché mai sottoposto a vaccinazione.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *