Sassello siccità, parla il sindaco Buschiazzo sulla mancanza di acqua

Sassello siccità, parla il sindaco Buschiazzo sulla mancanza di acqua
Spread the love

Covid, peste suina, siccità, tutte insieme sono una sciagura

Liguria, Coldiretti chiede lo stato di calamità

Sassello – Già il 22 marzo, siccità anche allora, vi era forte preoccupazione per l’estate sassellese, specie con l’apertura delle seconde case.

<<Abbiamo portate oggi che sono paragonabili ad agosto e a settembre – spiegò Buschiazzo -. Non ci sono problemi ora perché non ci sono le seconde case aperte. Sarà un’estate difficilissima perché senza neve le falde non hanno attinto. E anche se dovesse piovere l’acqua non penetrerebbe certo fino alla falda.

È possibile – concluse il sindaco – che già a giugno possa essere fatta un’ordinanza di limitazione agli usi umani>>.

Invece come è noto l’ordinanza venne anticipata al 13 maggio.

Il problema è che siamo ancora indietro, è metà giugno, il caldo è torrido, le previsioni meteo non annunciano piogge…

Ritorniamo dal sindaco e gli chiediamo come si presentano oggi gli acquedotti di Sassello con questa siccità.

<<Purtroppo la situazione non è bella – spiega Buschiazzo -. Abbiamo un quadro di siccità che generalmente si verifica a fine agosto, mentre ora siamo a fine giugno.

È difficile pensare ad ulteriori misure, perché anche la chiusura notturna degli acquedotti porterebbe con sé, su una rete idrica di quasi 300 km e con un complesso sistema di vasi comunicanti, rischierebbe di creare bolle d’aria e rotture.

È quindi una misura estrema a cui spero di non arrivare per le controindicazioni che può avere – prosegue il sindaco -. È quantomai importante fare un uso responsabile dell’acqua in questa fase. Anche perché le previsioni non sono affatto favorevoli>>.

Leggo commenti sui social di cittadini che lamentano perdite degli acquedotti…

<<In una situazione come questa in cui molti tirano, aumentano le perdite. Stiamo facendo il possibile, purtroppo non riusciamo ad essere ovunque contemporaneamente e cerchiamo di darci delle priorità. È un nostro interesse limitare le perdite – conclude il primo cittadino – purtroppo non avendo risorse infinite non possiamo essere così tempestivi come ahimè si dovrebbe>>.

Per fortuna ci sono tanti cittadini che riciclano l’acqua già usata per bagnare fiori e orti, sarebbe responsabile farlo tutti per non doverci poi lamentare dopo, perché al peggio non c’è limite!

 

G. D.