Genova cronaca. Pizzaiolo beccato senza mascherina, chiuso il locale per 5 giorni

Genova cronaca. Pizzaiolo beccato senza mascherina, chiuso il locale per 5 giorni
Spread the love

E ancora arresti per violenza e spaccio dalla Polizia del capoluogo

I poliziotti intervengono per allontanarlo dalla casa del padre e scoprono che deve andare in carcere. Arrestato – Via D.G. Verità, ore 08.50

Ieri mattina, i poliziotti dell’Upg hanno arrestato un 30enne genovese in esecuzione di un ordine di carcerazione, denunciandolo anche per violenza privata unitamente alla fidanzata (26enne genovese) e ad un amico (27enne senegalese), tutti pluripregiudicati.

I tre si sono presentati alla porta del padre del 30enne che, già da qualche tempo, lo ha allontanato proprio per i suoi continui comportamenti violenti, pretendendo di entrare. L’uomo, per convincerli ad andare via, ha aperto leggermente l’uscio. Con una spinta violenta, i tre giovani lo hanno spalancato facendo irruzione nell’appartamento strappandogli dalle mani il telefono cellulare, impedendogli così di chiamare i soccorsi.

Alcuni vicini, allarmati dalle urla, hanno prontamente richiesto l’intervento di una pattuglia della Polizia che, giunta poco dopo, ha allontanato i tre giovani dall’abitazioni accompagnandoli in Questura per l’identificazione.

Da controlli successivi è emerso che il 30enne era destinatario di un ordine di carcerazione emessa solo 24 ore prima a seguito dell’ultima rapina perpetrata sempre ai danni del padre. In questa occasione le porte di Marassi si sono aperte senza troppe difficoltà.

 

Arrestati due spacciatori di eroina di San Gottardo – Salita della Liggia, ore 13:40

La Polizia di Stato di Genova, sabato pomeriggio, ha arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio un genovese 37enne ed un tunisino 36enne, entrambi con precedenti specifici.

I poliziotti del Commissariato San Fruttuoso a seguito di un’articolata attività d’indagine info-investigativa sono riusciti a risalire ai due arrestati, quali approvvigionatori di stupefacente di alcuni quartieri genovesi.

Sorpresi proprio nel momento dello scambio di circa 400 grammi di eroina purissima, sono stati arrestati ed accompagnati al carcere di Marassi in attesa del giudizio di convalida.

 

Entra nel giardino di sconosciuti armato di coltello convinto di essere inseguito ma è sotto l’effetto di cocaina. Denunciato – Via Borzoli, ore 3.10

Questa notte, gli agenti dell’Upg hanno denunciato un 36enne marocchino per violazione di domicilio e possesso ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere.

A richiedere l’intervento una famiglia di Borzoli svegliata nel cuore della notte da un uomo che aveva scavalcato la recinzione e si era introdotto nel loro giardino, armato di coltello. I poliziotti intervenuti lo hanno trovato mentre cercava di nascondersi tra le piante e, fin da subito, hanno notato un insolito atteggiamento collaborativo.

Il marocchino ha poi dichiarato che stava fuggendo da un’aggressione perpetrata da presunti sconosciuti, aggiungendo anche che poco prima aveva assunto una pesante dose di cocaina. Nessuna traccia dei fantomatici aggressori.

 

Sanzioni per l’inosservanza del nuovo D.P.C.M.: 3 sanzionati e chiusa una pizzeria per 5 giorni

Il primo ad essere sanzionato, ieri sera, il dipendente di una pizzeria di via Gramsci trovato dai poliziotti dell’Upg mentre maneggiava alimenti destinati alla somministrazione, senza indossare la mascherina. L’esercizio dovrà rimanere chiuso per 5 giorni.

Poco dopo, due genovesi di 20 e 23 anni sono stati sanzionati poiché, invitati dai dipendenti di un supermercato di via G. Villa ad indossare i dispostivi di protezione, si sono rifiutati creando scompiglio all’interno dell’attività commerciale. Il primo, in evidente stato d’ebbrezza alcolica, all’arrivo degli agenti ha mostrato un atteggiamento violento, cercando di colpirli con un pugno. Sanzionato anche per ubriachezza.

 

G. D.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *