Genova cronaca breve. Primo sequestro di botti di fine anno, due denunciati dalla Polizia

Genova cronaca breve. Primo sequestro di botti di fine anno, due denunciati dalla Polizia
Spread the love

Un arresto e tre denunce in una serata apparentemente tranquilla

Arrestato ladro al Porto Antico – Molo Ponte Calvi, ore 21

I poliziotti del Commissariato Centro hanno arrestato per tentato furto aggravato un 32enne marocchino.

Una guardia giurata ha notato l’uomo che armeggiava su alcune macchine nel parcheggio dell’NH Hotel e, visto che in quel momento stava passando una volante del Commissariato Centro impegnata nel controllo del territorio, ha attirato la loro attenzione con una torcia.

Giunti all’interno del posteggio i poliziotti hanno visto l’uomo di origini nord africane che aveva tra le mani una pinza a becco utilizzata per tentare di aprire alcuni veicoli lì presenti senza peraltro riuscirci.

Accompagnato in Questura si è accertato che a suo carico era in atto la misura del divieto di dimora nella Provincia di Genova.

Il 32enne è stato associato al carcere di Marassi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Ubriaco si convince di essere stato derubato e chiama la Polizia. Denunciato – Via Gattorno, ore 23.30

Ieri sera, i poliziotti delle volanti dell’Upg hanno denunciato un ecuadoriano di 26 anni, pregiudicato, per il reato di procurato allarme e minacce gravi, sanzionandolo altresì per ubriachezza manifesta e per la violazione della normativa “anticovid”.

Il giovane, dopo aver fatto il pieno di alcol, si è appisolato nei pressi di una fermata dell’autobus di via Cornigliano. Al risveglio si è convinto di essere stato derubato del portafoglio, contenente a suo dire 50 euro, da due uomini che si trovavano qualche minuto prima vicino a lui e che si stavano allontanando.

Mentre li inseguiva, ha richiesto l’intervento della Polizia che lo ha raggiunto nei pressi di uno stabile dove i due “fantomatici” ladri si erano introdotti, rincasando. Gli agenti, raccolta la testimonianza poco coerente del 26enne, ancora in preda ai fumi dell’alcol, hanno comunque deciso di suonare all’abitazione dei due soggetti i quali hanno riferito di essere totalmente estranei ai fatti contestati dal 26enne che, peraltro, li aveva inseguiti minacciandoli con un cutter aperto.

Quest’ultima versione ha trovato conferma a seguito del rinvenimento nella tasca dei pantaloni del giovane dell’oggetto contundente e, nello zaino che portava sulle spalle, del portafoglio con ancora dentro tutti i soldi (350 euro in banconote da 50).

 

Commerciano abusivamente artifici pirotecnici. Denunciati – San Fruttuoso, mercoledì

La Polizia di Stato ha denunciato un 31enne di Recco ed una 25enne di Santa Margherita per detenzione e commercio abusivo di materie esplodenti in concorso.

A seguito di un controllo all’interno di un negozio di fuochi d’artificio, il personale della Polizia Amministrativa del Commissariato San Fruttuoso ha rinvenuto, nascosti nel retro del locale, artifizi pirotecnici con effetto scoppiante che superavano la massa attiva consentita.

Numerosissimi fuochi sono stati sequestrati e i proprietari denunciati perché privi delle licenze previste dalla legge.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *