Bruciano sfalci e potature, 6mila euro di multa dai Forestali Acqui Terme

Bruciano sfalci e potature, 6mila euro di multa dai Forestali Acqui Terme
Spread the love

Un’ordinanza della Regione Piemonte prevedeva il divieto di incendi dal 26 marzo al 15 aprile

Tre persone residenti nell’acquese, durante l’ordinanza regionale, hanno bruciato residui vegetali, derivanti da sfalci e potature, in un periodo di divieto per la massima pericolosità per gli incendi boschivi.

I Carabinieri Forestali di Acqui Terme e Casale Monferrato hanno contestato loro sanzioni amministrative per oltre seimila euro.

A causa del protrarsi dell’anomala assenza di piogge, infatti, la Regione aveva determinato, a partire dal 26 marzo e fino al 15 aprile, lo stato di massima pericolosità.

L’ordinanza era vigente su tutto il territorio piemontese, vietando qualsiasi generazione di fiamma libera non controllabile.

 

G. D.

Beccato il piromane di Ventimiglia autore di 4 incendi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *