Spezia. Interventi Vvf per operaio infortunato, incidente stradale, fuga di gas

Spezia. Interventi Vvf per operaio infortunato, incidente stradale, fuga di gas
Spread the love

La Spezia tre interventi dei Vigili del fuoco

Nel tardo pomeriggio del 30 aprile una squadra dei Vigili del Fuoco è intervenuta presso il cantiere navale Sanlorenzo Yachts per soccorso a persona.

Dalla sede spezzina, sono giunti sul posto cinque operatori Vvf con Aps (auto pompa serbatoio) e mezzo speciale Saf, attrezzato per il soccorso su corda in ambienti impervi ed ostili, per il recuperare un operaio infortunato nel locale sentina di uno yacht in fase di allestimento.

A causa degli spazi angusti dell’imbarcazione in costruzione e della ridotta via d’accesso al luogo dell’incidente, si è reso necessario l’utilizzo di una speciale barella per la stabilizzazione ed il recupero dell’infortunato.

Sempre nel pomeriggio i Vigili del Fuoco del distaccamento di Sarzana sono intervenuti in via Variante Cisa (SS62), per un incidente stradale.

Il conducente di un autocarro ha perso il controllo del mezzo, andando ad impattare su di un’auto parcheggiata in un’area di sosta di un esercizio commerciale.

Risulta ferito in modo lieve il conducente dell’autocarro, mentre è illeso il proprietario dell’autovettura, il quale ha abbandonato il mezzo pochi minuti prima dell’incidente.

Nella tarda serata, i Vigili del Fuoco sono intervenuta nel quartiere di Mazzetta per una fuga di gas metano.

Su segnalazione di diversi passanti, sono giunti sul posto i Vvf della sede spezzina congiuntamente ai tecnici della società Italgas ed hanno provveduto alla ricerca della perdita proveniente dal sottosuolo della sede stradale ed alla messa in sicurezza della zona coinvolta nel sinistro.

Precauzionalmente, si è resa necessaria la chiusura della circolazione stradale nel tratto di via Veneto compreso tra via Severino Ferrari e via Giovanni Pascoli.

Le operazioni di assistenza alla società preposta per lo scavo e la riparazione della perdita, sono ancora in corso.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *