Chiusura A26, mezzi pesanti sfrecciano per Masone, sorpassi pericolosi

Chiusura A26, mezzi pesanti sfrecciano per Masone, sorpassi pericolosi
Spread the love

Non c’è pace per questa terra che pare dimenticata

La situazione nelle Valli Stura e Orba si sta facendo sempre più grave: nella serata di lunedì 14 giugno sono stati documentati in un video sorpassi tra mezzi pesanti in pieno centro abitato di Masone che hanno messo a repentaglio la salute pubblica.

Il Gruppo Viabilità Valli Stura ed Orba da sempre in “trincea” per i noti problemi e disservizi sulla viabilità in valle, ha presentato un esposto al Prefetto di Genova Renato Franceschelli.

<<La situazione che si è verificata nella serata di lunedì 14 giugno per le vie dell’abitato di Masone – scrivono dal Gruppo -, in seguito alla chiusura notturna dell’autostrada A26 fino alla diramazione con la A10 è assolutamente grave e necessita di spiegazioni e soluzioni immediate.

Le immagini che si sono succedute sui social hanno infatti mostrato lunghe code di auto e mezzi pesanti transitare per le vie del paese utilizzando il clacson e in alcuni casi effettuando sorpassi molto pericolosi (come documentato dal video).

Ci chiediamo come sia possibile che nessuno sia intervenuto soprattutto quando era evidente il pericolo per l’incolumità pubblica e dopo le numerose avvisaglie che si sono verificate in tempi anche recenti con mezzi pesanti incolonnati a percorrere il passo del Turchino dove vige un divieto di transito per gli stessi.

Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo: non siamo cittadini di serie B

Non è affatto trascurabile il fatto – continuano – che il passaggio a zona bianca che ha messo fine al coprifuoco e la contemporanea fine delle scuole abbiano portato ad avere molte più persone per le vie del paese nelle ore serali e quindi che il riversarsi di mezzi pesanti per le vie del paese abbia assunto un problema di disagio e pericolosità enorme e nettamente superiore alla situazione dei mesi precedenti.

Coscienti della necessità di lavori autostradali e tralasciando la responsabilità di tutto quello che sta avvenendo sulla nostra tratta chiediamo che ci sia da parte delle autorità competenti la doverosa attenzione alla salute e alla qualità della vita dei cittadini della Valle Stura.

In ultimo vorremmo ricordare a chi sostiene che “intanto c’è la possibilità di passare per il Turchino” che se ieri un mezzo di soccorso avesse dovuto raggiungere Genova sarebbe stato veramente difficoltoso e con tempi lunghissimi.

Paghiamo le tasse – concludono dal Gruppo -, abbiamo gli stessi doveri e dovremmo avere gli stessi diritti di chi vive in centri più popolati dei nostri>>.

Info Gruppo su facebook

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *