Assoutenti: se i No Green pass bloccano le stazioni vanno arrestati

Assoutenti: se i No Green pass bloccano le stazioni vanno arrestati
Spread the love

Pronte le denunce contro i manifestanti. Codice penale punisce chi blocca treni e interrompe un pubblico servizio e prevede arresto immediato, e anni di carcere

Green Pass cambia, da domani 1° settembre sarà obbligatorio sui treni a lunga percorrenza ed i No-Vax non ci stanno, manifesteranno in decine di città bloccando le stazioni.

Chi domani arrecherà disagi alla circolazione ferroviaria bloccando le stazioni o ritardando la partenza dei treni, va arrestato in flagranza di reato e perseguito per blocco stradale e interruzione di pubblico servizio. Lo afferma Assoutenti, pronta ad una raffica di denunce contro i “No Green pass” che hanno annunciato per domani manifestazioni in tutta Italia.

<<Viminale, Prefetti e forze dell’ordine di tutta Italia devono attivarsi per garantire domani la circolazione ferroviaria e impedire che la protesta di pochi crei un danno enorme alla categoria dei pendolari – afferma il presidente Furio Truzzi -.

Il nostro ordinamento non solo punisce con la reclusione fino a sei anni coloro che, nell’ambito di manifestazioni pubbliche, realizzano un blocco stradale o interrompono o turbano un servizio di pubblica utilità, ma prevede per tali fattispecie l’arresto in flagranza di reato, proprio in virtù della gravità degli illeciti commessi che creano un danno ad una pluralità di soggetti.

Assoutenti: “Viminale, Prefetti e forze dell’ordine devono intervenire per garantire circolazione ferroviaria”

Per tale motivo – prosegue Truzzi – chiediamo alle autorità competenti di assicurare alla giustizia chiunque domani bloccherà stazioni e treni, e siamo pronti a presentare una raffica di denunce alle Procure della Repubblica di tutta Italia contro i “No green pass” responsabili dell’interruzione della circolazione ferroviaria>>.

L’associazione, infine, esprime solidarietà al prof. Matteo Bassetti, al giornalista Francesco Giovannetti e a tutti coloro che hanno subito minacce ed aggressioni da soggetti contrari al Green pass, e ritiene che tali episodi di violenza, unitamente alle proteste indette per domani, rappresentino un pericolo per la democrazia e nulla abbiano a che vedere con il sacrosanto diritto di protesta e manifestazione.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *