Indagini sui guerrieri No vax: perquisizioni in diverse città italiane

Indagini sui guerrieri No vax: perquisizioni in diverse città italiane
Spread the love

Prime perquisizioni nei confronti di residenti nelle città di Milano, Roma, Bergamo, Reggio Emilia, Venezia e Padova

Tramite un gruppo Telegram manifestavano intenti violenti da esercitare in occasione di pubbliche manifestazioni, sono quindi scattate perquisizioni domiciliari e informatiche condotte dalla Digos e dal Compartimento Polizia postale di Milano a carico di appartenenti al mondo No-Vax.

Gli indagati sono membri attivi del gruppo Telegram denominato I guerrieri nel quale vengono progettate azioni violente da realizzare, anche con l’uso di armi ed esplosivi rudimentali, in occasione delle manifestazioni “no green pass” organizzate in tutta Italia, in particolare quella in programma nella Capitale per l’11 e 12 settembre.

Dai messaggi pubblicati sulla chat è emerso che gli indagati, uno dei quali titolare di porto d’arma e già noto alla Digos per la sua vicinanza al separatismo veneto, oltre all’intenzione di partecipare in massa alla manifestazione di protesta in programma a Roma il prossimo sabato, incitano gli altri membri del gruppo a realizzare azioni violente nelle rispettive province di residenza.

Alcuni membri del gruppo volevano realizzare una riunione preparatoria in vista dell’appuntamento romano e approvvigionarsi di armi bianche da utilizzare in quell’occasione.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *