Musica da star Meghan Trainor, Celine Dion, Grace Jones, Madison Beer

Musica da star Meghan Trainor, Celine Dion, Grace Jones, Madison Beer
Spread the love

Oggi presentiamo certezze, novità, ritorni sul palcoscenico della musica pop internazionale

Meghan Trainor “Treat myself” il nuovo album

Si è fatta attendere ma dal 31 gennaio è disponibile il nuovo album della cantautrice e produttrice multiplatino pluripremiata ai Grammy Awards Meghan Trainor.

«Non ho mai lavorato così sodo per un album o non sono mai stata più orgogliosa della musica che ho scritto – afferma Meghan – Troverete tante collaborazioni interessanti…»

Dall’album è stato estratto il singolo “Wave” – featuring Mike Sabath, definito da Idolator come “perfezione elettro-pop” e da Billboard come “fortemente radicale”.

Meghan Trainor ha fatto la storia della musica nel 2014 con la sua hit certificata diamante “All About That Bass”. La vincitrice dei Grammy Awards è una delle cinque artiste ad avere ottenuto la certificazione di diamante dalla Riaa, un risultato ottenuto solo da altri 15 singoli in totale. Finora ha ottenuto un Grammy Awards come “Best New Artist”, 8 singoli multiplatino e 2 dischi di platino, ha fatto tre tour mondiali, ha scritto hit multiplatino per artisti pop e country e ha ricevuto numerosi premi e nomination.

 

Celine Dion esce un doppio vinile rosso di “Courage” e 25 luglio in Italia

Venerdì 14 febbraio è uscita la versione doppio vinile di colore rosso di “Courage”, l’album di inediti in inglese di Celine Dion, un disco eclettico, un mix di ballate e canzoni up-tempo, arrivato a tre anni di distanza dal successo del disco in lingua francese.

Per la realizzazione di questo disco, Celine si è avvalsa della collaborazione di produttori, autori e artisti di altissimo livello come LP, Steve Aoki, Dan Wilson, Johan Carlsson, Ross Golan, Skylar Grey, Jon Levine, Greg Kurstin, Eg White, The Stereotypes, Freddy Wexler, Andrew Wells, Erik Jörgen Elofsson, Anton Mårtensson, Ari Leff, Michael Pollack, Nicholas Perloff-Giles, Dallas Koehlke e DallasK.

Celine Dion è attualmente impegnata in una imponente tournée mondiale, il “Courage World Tour”, che arriverà anche in Italia per un unico, imperdibile concerto il 25 luglio al Lucca Summer Festival dove si esibirà, a più di 10 anni dal suo ultimo concerto nel nostro Paese, nello scenario mozzafiato delle Mura di Lucca.

Con più di 250 milioni di album venduti in tutto il mondo, Celine Dion è una delle artiste più riconosciute, amate e di successo nella storia della musica pop. Ha vinto 5 Grammy Awards, 2 Academy Awards, 7 American Music Awards, 20 Juno Awards e un sorprendente 40 Félix Awards. In occasione della vittoria del Diamond Award ai World Music Awards 2004, le è stato riconosciuto lo status di artista femminile più venduta di tutti i tempi. Nel 2016 i Billboard Music Awards le hanno conferito il Lifetime Achievement Icon Award. Di recente, Celine è stata nominata da l’Oréal Paris nuova portavoce globale dell’azienda.

 

Grace Jones anticonformista, trasgressiva e camaleontica

Non bastano certo questi tre aggettivi per descrivere Grace Jones, artista e cantante dal successo mondiale straordinario e interprete di sperimentazioni pop, attrice e modella giamaicana richiestissima e figura iconica che con la sua bellezza androgina ha ridefinito l’estetica di un intero decennio, e con la sua musica è stata in grado di passare con disinvoltura dai successi della disco music solare degli anni 70, dalla superba commistione di stili e le cupe atmosfere new wave degli anni d’oro, al più recente magnetico e selvaggio ritorno sulle scene.

Sarà in Italia il 28 agosto per un’unica data al Torino-Spazio211.

Grace Jones ufficialmente è nata 70 anni fa, anche se è difficile conciliare il suo aspetto iconograficamente sintetico e le sue esibizioni live sui più importanti palchi di tutto mondo con la sua età: nata in Giamaica il 19 maggio 1948, da allora attraversa tutti i tipi di controcultura, alimentando la sua attitudine alla ribellione. Prima di diventare una cantante di successo internazionale, Jones era stata una modella scappata da un’adolescenza difficile.

A 18 anni, scappa dalle attenzioni violente e oppressive di uno zio fanatico religioso per raggiungere i genitori nello Stato di New York insieme ai fratelli Bishop Noel Jones (suo gemello, poi attore) e Christian. La sua infanzia influì molto sul carattere ribelle e provocatorio, che mostrò fin dall’inizio degli anni Settanta, quando lavorava per le più importanti riviste e case di moda tra New York e Parigi, imponendo il suo look, fino a riuscire a conquistare l’attenzione di stilisti quali Yves Saint Laurent, Claude Montana e Kenzō Takada. Con il suo corpo statuario e il suo carisma quasi selvaggio sfila per loro e posa per le copertine di magazine come Elle e Vogue davanti all’obiettivo dei più grandi fotografi, da Helmut Newton a Guy Bourdin, in foto diventate pezzi memorabili della cultura pop degli anni Ottanta.

Organizzatrice di feste memorabili, disturbatrice e provocatrice di eventi formali, nel 1977 decide di debuttare sulla scena musicale e si presenta al pubblico cantando in compagnia di leoni e leopardi: la notorietà arriva da subito con le sue famose rivisitazioni in chiave disco di pezzi evergreen, tra le quali la famosissima e acclamata cover del classico di Edith Piaf “La Vie En Rose”.

Negli anni ’80 attira diverse critiche con la sua apparizione in topless sulla rivista Playboy e con i suoi ritratti nudi in gabbia, ma il suo incontestabile successo è merito di un timbro vocale particolare e di uno spirito apertamente provocatorio, apprezzato dalla comunità Lgbt prima e da un pubblico più ampio poi, merito delle copertine e dei videoclip visionari e avanguardisti, di una coerenza senza compromessi e di uno stile eclettico e sopra le righe, che a partire dalla disco music l’ha vista esplorare i territori della new wave, del funk, del pop, del reggae, seguita dai più importanti produttori.

Nel 2020 curerà e suonerà allo storico festival inglese Meltdown nel mese di giugno, diretto in precedenza, da Cure, David Bowie, Nick Cave, Morrissey, Massive Attack e tanti altri, in agosto sarà in data unica italiana a Todays Festival a Torino.

A guardarla viene da pensare che potrebbe vivere per sempre “Non mi sento mai vecchia, mi sento più saggia”, ha dichiarato lei, che non ha perso per nulla la voglia di provocare “Non seguo gli scandali, li creo”. Grace Jones è un’artista più che mai viva e potente, che apre un altro capitolo di shock ed eccessi e suona più moderna di sempre e che con la sua marmorea silhouette e una personalità empatica e integra si pone come modello da rincorrere per le nuove generazioni di popstar (photographer Andrea Klarin).

 

Madison Beer “Good in goodbye” è il primo singolo estratto dal suo album di debutto

Pochi giorni fa la cantante e songwriter Madison Beer ha svelato “Good In Goodbye”, il primo singolo che anticipa il suo album d’esordio in uscita nel 2020 per Epic Records/Sony Music su licenza di First Access Entertainment.

Il brano, co-scritto e co-prodotto da Beer, è disponibile in digitale e il relativo video è visibile su YouTube. Nell’accattivante video, Madison Beer si confronta con il suo avversario più forte, sé stessa, un coinvolgente video in stile videogame caratterizzato da una potenza di fuoco tutta colorata, stelle ninja e molta personalità.

Beer, personificazione della generazione “Girl Boss”, ha diretto il video personalmente. Video che rappresenta l’inno di rottura definitivo per l’era Asmr.

In merito al brano e al disco di prossima uscita Madison dichiara: “È così emozionante lanciare il brano che anticipa il mio album di debutto! Good in Goodbye, tocca un tema che risuonerà per tutto il disco ed è una canzone che parla di rottura. Parla di come tagliare i legami con una persona tossica, non importa quanto possa essere dura in quel momento, a volte è l’unica strada da percorrere e dovresti sempre trovare il “buono” in un “addio”. Tocca anche la dualità della condanna e autoriflessione che spesso attraversi alla fine di una relazione – un concetto che prende vita nel video in cui approfondisco i miei demoni interiori, interpretando me stessa e la mia gemella cattiva.”

Prima di firmare con la Epic Records l’anno scorso, Madison ha raggiunto un successo senza precedenti come artista indipendente con la First Access Entertainment. Il suo Ep di debutto As She Pleases ha totalizzato oltre 700 milioni di streaming e l’ha resa la prima donna solista del panorama indipendente ad entrare nella Top 20 radio charts dopo aver debuttato nella Top 5 on iTunes in 18 paesi e nella Top 10 in 42 paesi in tutto il mondo. Ha attirato l’attenzione del Time, Complex Nme, The Guardian e Billboard che l’ha nominata nella sua “21 Under 21” e i suoi social hanno superato i 14.3 milioni su Instagram e i 2.5 milioni su Twitter. Il 2020 vede questa artista iniziare la sua collaborazione con Sony Music che pubblicherà il suo album di debutto creato artisticamente da First Access Entertainment e concesso in licenza ad Epic Records. Questo accordo unico ha permesso di non snaturare Madison – lasciandole il controllo creativo completo attraverso la scrittura delle sue canzoni, la produzione e la creazione di immagini proprie.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *