Covid e anziani. Tante polemiche e parole ma quali sono i provvedimenti per salvargli la vita?

Covid e anziani. Tante polemiche e parole ma quali sono i provvedimenti per salvargli la vita?
Spread the love

In giornata sarà firmato l’ennesimo dpcm per combattere la pandemia, ma chi rischia son sempre loro

Nei giorni scorsi sono rimasto sbalordito dalla veemenza di alcune dichiarazioni di autorevoli (?!) persone dopo l’uscita del tweet del governatore ligure sugli anziani, che ha sbagliato a pubblicare su Twitter poiché lì le lettere a disposizione sono poche e certi concetti si esprimono con spazio. Infatti RN aveva riportato quanto da lui scritto su Facebook, dove il senso è chiarissimo.

In pratica si è forzatamente ricostruito un messaggio dove l’anziano non serve più a nulla, esso con la pensione diventa un peso per la società e andrebbe rinchiuso come da storiche memorie dai nomi irripetibili.

Roba da orrore!

Non dovrebbe spettare all’informazione generare confusione e strumentalizzazioni, ma la “fame” di notizie specie in un vuoto di proposte concrete porta a questo, ovvero discutere della pagliuzza e dimenticare la trave.

E’ da inizio pandemia che negli ospedali muoiono i nostri vecchi in percentuali intorno al 90% e forse più. Esiste un piano anziani? Esiste un piano per gli ospiti nelle Rsa?

Ci sono task force di esperti, presumo profumatamente retribuiti da Regioni e Governo, per rispondere a queste domande.

Invece dalla politica politicante vediamo solo maggioranze prendere provvedimenti ignorando le minoranze. Che sia in Liguria o al Governo, che sia la destra come la sinistra. Come si fosse in perenne campagna elettorale. O, fra le tante, come se la prossima elezione del presidente della Repubblica fosse più importante dell’emergenza Covid. Tra l’altro fra un po’ “festeggeremo” l’anno… emergenza lunga ehhh.

E oggi avremo l’ennesimo dpcm Conte, cui seguirà l’ordinanza Toti e chissà, forse qualcosina anche dai sindaci. Gli anziani? Beh, al di là della retorica, sempre anziani sono, quindi…

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *