Sassello. Medici di base alle ex scuole di viale Marconi, contatti per spostarvi anche i servizi Asl

Sassello. Medici di base alle ex scuole di viale Marconi, contatti per spostarvi anche i servizi Asl
Spread the love

I medici contribuiranno alle spese di gestione (luce, riscaldamento) con 2.400 euro annuali

L’emergenza Covid non permette all’Asp Ospedale Sant’Antonio di rischiare eventuali contatti fra gli ospiti della struttura ed i pazienti dei medici che frequentano gli ambulatori di via G. Badano, pertanto la Giunta comunale ha messo a disposizione dei medici di base alcuni locali al piano terreno di viale Marconi 2 (ex scuole elementari).

Tramite contratto vengono quindi affidati a carattere transitorio i locali comunali ad uso ambulatorio, che dovranno essere utilizzati in via esclusiva per esercitare la professione di medico di assistenza primaria (prima condotta), al fine di garantire continuità assistenziale alla comunità e quindi per finalità socio-sanitarie di interesse generale.

L’Amministrazione ha stabilito per ogni medico un corrispettivo annuale in 2.400 euro per le spese di riscaldamento e luce, da versare in dodici rate mensili.

Trattandosi di esigenze di carattere transitorio, determinate dalla temporanea indisponibilità dell’Asp Ospedale S. Antonio, la durata del contratto è prevista di un anno, con possibilità di rinnovo.

Il sindaco Daniele Buschiazzo si è mostrato soddisfatto per come si è conclusa la questione che si stava trascinando ormai da tempo, è ben noto quanto i pazienti della dott.ssa Bozzolasco si siano lamentati per i disagi provocati dall’ambulatorio in esterno alla struttura ospedaliera troppo esposto alle intemperie stagionali.

La grande struttura di viale Marconi potrebbe anche estendere i suoi servizi, infatti il sindaco aggiunge che <<Domani vado con il direttore del Distretto sanitario, la responsabile infermieri a vedere le ex scuole per spostare momentaneamente anche i servizi Asl>>.

La posizione delle ex scuole (nella foto), così come la sua facile accessibilità, non potranno che essere accettate con favore dalla popolazione.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *