Liguria sanità. Pastorino-Linea Condivisa: “Assunzioni San Martino tardive, è di nuovo sotto estrema pressione”

Liguria sanità. Pastorino-Linea Condivisa: “Assunzioni San Martino tardive, è di nuovo sotto estrema pressione”
Spread the love

“Prevedibile questa ripresa del virus, perché farsi trovare ancora una volta impreparati?”

<<Certo è che se si procedesse ad una valutazione della Sanità ligure in questo periodo, il risultato sarebbe veramente impietoso – tuona il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino -. Sembra che l’emergenza Covid-19 di marzo e aprile non abbia insegnato niente a chi governa la Sanità nella nostra regione.

Nonostante da mesi la quasi totalità della comunità scientifica prevedesse una recrudescenza del virus tra settembre, ottobre e novembre, non si è riusciti neanche a fare una corretta programmazione di assunzioni di personale infermieristico presso gli ospedali – dichiara il riconfermato consigliere regionale.

Con il risultato che si sposta il personale dalle riabilitazioni noCovid a quelle Covid, risultando inevitabile che se chirurghi o altri medici hanno bisogno di posti in reparti noCovid, mancano gli infermieri. Difficile capire se la mancata programmazione è attribuibile alle direzioni del personale, oppure direttamente ad Alisa che avendo ricevuto numerose richieste, a queste non ha dato corso.

Secondo Pastorino la sanità in Liguria è sempre in ritardo 

Fatto sta – prosegue Pastorino – che assistiamo ad una riduzione degli interventi di chirurgia elettiva che necessitano di posti in rianimazione, assistiamo ad una cancellazione di prestazioni diagnostiche, spesso da un giorno all’altro, sempre per mancanza di personale. Assistiamo alla completa impossibilità di prenotare via Cup perché centinaia di persone testimoniano di non riuscire a collegarsi.

Tutto questo avviene nonostante l’impegno costante degli operatori sanitari di ogni ordine e grado, di addetti alle prenotazioni telefoniche che cercano di far fronte a migliaia di richieste, con unità di lavoro insufficienti”.

Se era prevedibile questa ripresa del virus, perché farsi trovare ancora una volta impreparati?

Fonti riferiscono che, per esempio, si sta provvedendo all’assunzione di personale infermieristico, nell’ordine di quaranta unità presso l’Ospedale San martino di Genova. Non era possibile provvedere prima?

Se pur necessaria, questa mossa appare tardiva rispetto ad una situazione che doveva essere letta in anticipo – incalza il consigliere -. Così come appare evidente che nel momento in cui si affida le prenotazioni ai call center è necessario prevedere una capacità di risposta decisamente più efficace di quella attuale, assicurando un servizio migliore agli utenti ed un miglior modo di lavorare agli operatori telefonici”.

Nonostante le parole di Toti – conclude Pastorino -, visto che la Viale sembra sparita da ogni orizzonte politico (l’ex assessore alla Sanità non è riuscita ad ottenere i voti necessari per essere eletta n.d.r.), la sanità ligure si presenta ancora una volta in ritardo ad un appuntamento cruciale, costringendo gli operatori sanitari impegnati a frenetici tour de force e i pazienti a lunghe ed evitabili attese>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *