Liguria. Sinistra furibonda per le assenze del governatore Toti

Liguria. Sinistra furibonda per le assenze del governatore Toti
Spread the love

Oggi, come già accaduto altre volte, in consiglio regionale mancava il presidente e assessore alla Sanità Giovanni Toti

L’esordio di Ferruccio Sansa è un “ma lo sa Toti che ogni seduta del Consiglio costa 8mila euro?” e poi continua <<Ancora una seduta del consiglio regionale senza il presidente Giovanni Toti. Che è anche assessore alla Sanità. In pratica siamo qui per niente.

Le interrogazioni e le domande dei cittadini sulla gestione del Covid restano senza risposta. Nessun assessore è stato delegato a rispondere. Zero. Da mesi va avanti così. Il presidente spesso non viene o se né a metà seduta. “Impegni istituzionali”, viene detto. Quali? Chissà. Era ovvio che finisse così, visto che il sovrano Toti è anche assessore alla Sanità e al Bilancio. Oltre a essere molto distratto da impegni magari televisivi.

Sansa: Toti sovrano

Come finisce in Consiglio? Nella migliore delle ipotesi per rispondere alle domande rivolte a Toti viene estratto a sorte un assessore che legge comunicazioni di cui chissà cosa sa. Altre volte si assiste a risposte surreali: “Cerchi su internet” (Ilaria Cavo). Spesso non rispondono proprio. Stanno lì, chiacchierano, telefonano, ridono. Beati loro.

Una seduta inutile. Sprecata. Il Consiglio regionale è un organo fondamentale per la democrazia di un organo legislativo come la Regione e per controllare l’operato della maggioranza>>.

Gli fa eco il capogruppo Pd Luca Garibaldi <<L’assenza di oggi comunicata, peraltro, alla 10 di mattina, quando la seduta sarebbe dovuta iniziare – non è motivata da impegni urgenti con il Governo in materia di pandemia. Toti non è venuto in aula perché ha preferito fare un giro delle Asl liguri, cosa che avrebbe potuto benissimo programmare in un altro giorno o in un altro orario, visto che il consiglio regionale si tiene, in media, una volta alla settimana e quasi sempre di martedì, e la seduta era stata concordata proprio sulla base degli impegni della Giunta>>.

Anche per i 5Stelle l’assenza è grave

<<Il presidente di Regione e assessore alla Sanità ha chiesto anche per oggi congedo e dunque non sarà presente in consiglio regionale nonostante le numerose interrogazioni che ne chiamano in causa le competenze – affermano dal gruppo regionale del Movimento 5 Stelle -. La più importante delle quali è certamente la Sanità, mai come ora centrale tra emergenze, vertenze e criticità territoriali.

Quanto sta accadendo l’avevamo ampiamente previsto a inizio legislatura: Toti non ha tempo di occuparsi della Sanità ligure a 360°, come ha peraltro dimostrato anche ieri non presentandosi in II Commissione, dove era atteso per audire gli Oss di Spezia e i loro sindacati. Le questioni che chiamano in causa la salute pubblica sono numerose, vanno affrontate con puntualità e non a colpi di congedi.

All’attuale vergognosa situazione va trovata una soluzione e per questo abbiamo proposto di convocare un ufficio di presidenza integrato. Non è accettabile che si continuino a sprecare soldi pubblici per consigli regionali a scartamento ridotto: di questo passo, la percentuale di interrogazioni sulla Sanità cui risponderà l’assessore competente Toti non si avvicinerà neanche lontanamente a performance accettabili>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *