Tentano furto del Rolex a poliziotto davanti la Questura di Genova, arrestati

Tentano furto del Rolex a poliziotto davanti la Questura di Genova, arrestati
Spread the love

La coppia fugge in auto ma viene raggiunta dopo uno spericolato inseguimento in via Caprera

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato una donna di 34 anni e un uomo di 28 entrambi rumeni e domiciliati a Milano, per tentato furto in concorso.

L’uomo è stato anche deferito in stato di libertà per resistenza.

Ieri mattina intorno alle 9, un poliziotto si stava dirigendo in Questura quando la sua attenzione è stata attirata, all’altezza del semaforo vicino all’Unieuro, da un’auto il cui conducente sembrava spaesato non sapendo che direzione prendere.

Gli si avvicina una donna con fare accattivante, porgendogli un foglietto per farsi scrivere in che zona fossero. Lui scrive Piazza della Vittoria e lei, per ringraziarlo, gli ha accarezzato più volte l’avanbraccio sinistro fermando la mano insistentemente all’altezza del polso dove indossava il Rolex.

Infastidito dal suo comportamento si è qualificato e la donna si è allontanata di corsa in direzione della stessa auto che aveva notato poco prima che nel frattempo si era fermata davanti alle Caravelle con il motore acceso.

Intuendo il tentativo di furto dell’orologio e che l’uomo a bordo dell’auto fosse il complice con funzioni di palo, l’agente annota il numero di targa che ha permesso agli operatori delle Volanti, allertati dalla Centrale Operativa, di intercettare l’auto della coppia in Via Caprera.

Nonostante l’utilizzo di tutti i sistemi luminosi ed acustici di emergenza, il conducente dell’auto ha tentato di opporre una fattiva resistenza al fermo non arrestando la direzione di marcia, passando col semaforo rosso e accelerando la corsa per cercare di sfuggire ai poliziotti.

Una volta fermati gli agenti della Polizia di Genova appuravano numerosi precedenti penali e che entrambi fossero specializzati nel furto di Rolex.

Il Magistrato ha disposto l’udienza per direttissima per questa mattina.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *