Genova, furti in piazza Mazzini e a Caricamento, 1 arresto e 1 denuncia

Genova, furti in piazza Mazzini e a Caricamento, 1 arresto e 1 denuncia
Spread the love

Due operazioni domenicali della Polizia di Stato del capoluogo ligure

Arrestato topo d’auto in Piazza Mazzini, ore 18.50

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato ieri pomeriggio un genovese di 53 anni per il reato di furto aggravato.

Il ladro, dopo aver infranto i cristalli del deflettore della portiera di una vettura parcheggiata in piazza Mazzini, è entrato nell’abitacolo dove ha rubato alcuni capi d’abbigliamento compreso un paio di scarpe per poi scappare.

Tutta la scena è stata però vista da un cittadino che ha immediatamente chiamato la Polizia consentendo così ad una volante del Commissariato di Cornigliano di bloccare il ladro ancora in possesso di tutta la refurtiva.

Il 53enne, con svariati precedenti di Polizia e sottoposto all’obbligo di presentazione alla PG presso il Commissariato di Sanremo, luogo della sua residenza, è stato accompagnato in Questura in attesa del processo per direttissima.

Ruba uno smartphone, rintracciato e denunciato a Caricamento, ore 00.30

La Polizia di Stato di Genova ha denunciato 29enne marocchino per furto aggravato e soggiorno illegale nel territorio dello Stato.

Ieri sera le volanti dell’Upg sono intervenute in soccorso di una ragazza che aveva appena subito il furto del telefono cellulare da parte di un giovane che si era dato alla fuga in centro storico.

Grazie alla dettagliata descrizione fornita dalla vittima, meno di un’ora dopo, gli agenti sono riusciti a rintracciare il ladro, intento a sorseggiare una birra a Caricamento e visibilmente alterato da recente assunzione di droga.

Accompagnato in Questura è risultato essere irregolare sul territorio nazionale ed è stato senza ombra di dubbio riconosciuto dalla vittima, tramite individuazione fotografica, come l’autore del furto.

Nel frattempo un’altra ragazza si era presentata all’ufficio denunce riferendo di essersi accorta della sparizione del proprio smartphone subito dopo essere stata avvicinata da un uomo descritto esattamente come il 29enne marocchino.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *