Cinghiali, a Stella auto si cappotta per evitarli, Coldiretti incontra il Prefetto

Cinghiali, a Stella auto si cappotta per evitarli, Coldiretti incontra il Prefetto
Spread the love

Coldiretti Savona ha incontrato il Prefetto per situazione ormai insostenibile

La questione cinghiali è sempre più emergenza, specie per le zone dell’entroterra; addirittura ieri sera, poco dopo le 22, una signora in auto per evitare lo scontro con un ungulato si è cappottata lungo la strada di località Panazza a Stella Santa Giustina, la via dietro la chiesa lungo il fiume Sansobbia, e sono intervenuti alcuni abitanti per aiutarla ad uscire dal mezzo.

Per fortuna ha riportato lievi contusioni per cui ha evitato il ricovero ospedaliero nonostante l’intervento a Stella dei sanitari del 118 e dei Vigili del fuoco con l’autogru.

Sul problema cinghiali, venerdì scorso una delegazione di Coldiretti Savona ha incontrato il Prefetto, Antonio Cananà, accompagnato dal comandante dei Carabinieri forestali di Savona, Ten. Col. Vulpi Giovanna, per denunciare la situazione ormai insostenibile provocata dal proliferare dei cinghiali che sta mettendo a rischio la sopravvivenza delle imprese.

<<Dopo lo scorso 8 luglio quando Coldiretti è scesa in piazza in tutte le regioni d’Italia, abbiamo voluto un momento di confronto con il Prefetto di Savona per sollecitare un suo intervento, sensibilizzando le Istituzioni di sua competenza, in primis Ministero e Regione, affinché si metta al più presto in atto una concreta azione di contenimento – hanno spiegato il presidente di Coldiretti Savona Marcello Grenna e il direttore provinciale Antonio Ciotta -.

La situazione è diventata insostenibile nelle campagne, ma non solo, con danni enormi alle produzioni agricole, ma viene compromesso anche l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali in aree di pregio naturalistico, con la perdita di biodiversità sia animale sia vegetale.

E’ un continuo susseguirsi di segnalazioni, partendo dalle colture che vengono completamente distrutte dal passaggio degli animali, mentre appezzamenti di terreno vengono scavati e solcati in modo irrimediabile.

Senza dimenticare – proseguono – il pericolo della diffusione di malattie evidenziato dallo stesso Piano di sorveglianza e prevenzione per il 2021 pubblicato dal ministero della Salute che ribadisce come i cinghiali abbiano una responsabilità fondamentale per la diffusione della Peste Suina Africana (Psa) e dunque una delle misure necessarie in Italia è la gestione numerica della popolazione di questi animali.

A tutto ciò si sommano poi i numerosi incidenti che continuano a susseguirsi sulle nostre strade per la colluttazione con uno o più esemplari. Non è più solo una questione di risarcimenti, ma è diventato un fatto di sicurezza delle persone che va affrontato con decisione.

La normativa è ormai datata e fondata su paradigmi obsoleti per cui vanno trovati – concludono Grenna e Ciotta – degli strumenti idonei per garantire la redditualità delle imprese agricole savonesi e dei nostri centri urbani>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *