Rapina sul Lungomare di Varazze, arrestato l’autore riconosciuto dalle scarpe

Rapina sul Lungomare di Varazze, arrestato l’autore riconosciuto dalle scarpe
Spread the love

I Carabinieri di Varazze hanno arrestato un 17enne responsabile di una rapina commessa venerdì notte

Varazze rapina – Nella serata di venerdì scorso la Centrale Operativa dei Carabinieri di Savona, aveva ricevuto, tramite utenza telefonica di emergenza 112 Nue, la segnalazione di una rapina commessa sul lungomare di Varazze da un giovane di corporatura molto robusta.

L’uomo, minacciando la vittima con un coltello, si era fatto consegnare l’orologio di ingente valore che quest’ultimo portava al polso. Il rapinato, seppur molto spaventato, riusciva a descrivere dettagliatamente il proprio aggressore, fornendo diversi particolari anche relativi al suo abbigliamento, consentendo così ai carabinieri della Centrale Operativa di diramare una precisa descrizione della persona da ricercare.

Il responsabile è stato rintracciato e arrestato la scorsa mattinata ad Albisola, proprio grazie all’intuito del militare operatore di centrale, che aveva gestito l’intervento nella serata del reato.

Il carabiniere, infatti, ricordava perfettamente la descrizione, nello specifico, anche un dettaglio del logo delle scarpe indossate dal giovane (una stella): l’altra mattina, libero dal servizio si trovava ad Albisola e notava su una panchina un soggetto somigliante alla descrizione del malvivente e veniva colpito proprio da quella stella disegnata sulle scarpe, che attirava subito la sua attenzione.

Il militare chiedeva rinforzi e con i carabinieri di Varazze controllava il giovane che reagiva violentemente. Dopo essere riusciti a riportarlo alla calma, i carabinieri procedevano ad una più approfondita perquisizione del fermato e recuperavano il prezioso orologio rubato, che successivamente veniva restituito al legittimo proprietario.

Il fermato era inoltre in possesso di sostanze stupefacenti di vario tipo (hashish e marijuana) che venivano sequestrate.

<<Il minore, peraltro già noto alle Forze dell’Ordine nonostante la giovane età, veniva quindi arrestato ed accompagnato al centro di prima accoglienza di Genova a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Genova, Autorità Giudiziaria che successivamente ha convalidato l’arresto – spiegano dal Comando -.

Il Comando Provinciale Carabinieri di Savona è da sempre in prima linea per prevenire e contrastare i reati predatori, intensificando sia l’attività preventiva sia quella repressiva, a tutela dei fondamentali valori di legalità e sicurezza urbana.

Il procedimento è attualmente nella fase preliminare ed i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità degli indagati, non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’Autorità Giudiziaria>>.

 

G. D.