Truffa del “falso incidente al figlio” e furto monopattino a Imperia

Truffa del “falso incidente al figlio” e furto monopattino a Imperia
Spread the love

Due distinte operazioni 

Imperia denunce – La Squadra Mobile di Imperia ha deferito in stato di libertà per il reato di truffa aggravata in concorso un cittadino polacco S.A. di 40 anni commessa nei confronti di una donna ultraottantenne.

Con il metodo del “falso incidente”, l’uomo traeva in inganno un’anziana fingendo, mediante una telefonata ricevuta da una donna qualificatasi come operatrice sanitaria, che il figlio di quest’ultima avesse subito poco prima un incidente stradale.

Ovviamente per le cure del caso sarebbe stato necessario versare del denaro; pertanto, preannunciava l’imminente arrivo di un corriere presso la propria abitazione che avrebbe ritirato denaro e quanto di prezioso la donna detenesse in casa.

La donna prima preparava 3.000 euro in contanti, oltre a diversi oggetti in oro, poi si accertava dell’incidente chiamando il figlio, il quale, resosi conto che ignoti stavano cercando di truffare i propri genitori, allertava immediatamente il 112.

Gli agenti riuscivano a ricostruire i movimenti e ad individuare il soggetto incaricato al ritiro dei preziosi che veniva prontamente fermato dopo aver prelevato il bottino presso l’abitazione della vittima per poi successivamente deferirlo alla competente Autorità Giudiziaria.

Perquisito, i poliziotti rinvenivano sul dispositivo mobile dell’uomo altri indirizzi di abitazioni, probabili future vittime.

“La Polizia di Stato ribadisce di fare attenzione quando si è contattati da sconosciuti che si spacciano per familiari o parenti, chiedendo denaro o altre utilità e di comporre immediatamente il 112 quando si abbia anche solo il sospetto di essere vittima di truffa”.

Ruba monopattino nella stazione di Imperia

La Polizia ferroviaria di Imperia in collaborazione con la Squadra Mobile della locale Questura ha individuato il presunto autore del furto di un monopattino elettrico rubato lo scorso mese di marzo all’interno di un ufficio della stazione di Imperia.

È una donna di 49 anni residente nella in provincia con diversi precedenti, anche dello stesso tipo di reato.

Dopo aver atteso che il proprietario del mezzo, un dipendente della ditta Coop Service che si occupa di assistenza ai viaggiatori, lasciasse incustodito il mezzo, si è introdotta all’interno e ha asportato il monopattino con il relativo carica batterie.

Grazie alle immagini dell’impianto di videosorveglianza dello scalo ferroviario e grazie anche al sistema informatico di riconoscimento facciale in uso alle Forze dell’ordine, i poliziotti sono riusciti a dare un nome al potenziale soggetto autore del fatto.

La successiva perquisizione domiciliare delegata dall’Autorità Giudiziaria della Procura di Imperia ed eseguita in collaborazione con la Polfer di Ventimiglia, ha permesso di rinvenire presso l’abitazione della donna lo stesso monopattino oggetto del furto in stazione.

Pertanto, la 49enne è stata denunciata in stato di libertà per furto aggravato ed il monopattino posto sotto sequestro in attesa di restituzione al legittimo proprietario.

L’effettiva responsabilità della persona indagata e la fondatezza delle accuse a suo carico sarà definitivamente accertata solo nel caso di emissione di una sentenza irrevocabile.

 

G. D.