Assiste la moglie malata, entrambi 90enni di Finale Ligure, ieri ha esaudito un desiderio: incontrare i Carabinieri

Assiste la moglie malata, entrambi 90enni di Finale Ligure, ieri ha esaudito un desiderio: incontrare i Carabinieri
Spread the love

La prima linea dell’Arma: consegna di medicinali, aiuti e ora le pensioni per chi ne fa richiesta

Da ieri una convenzione con le Poste Italiane consente agli anziani, che non possono farlo da soli, di vedersi recapitare a casa la propria pensione con l’aiuto dell’Arma dei Carabinieri (vedi articolo sul fondo).

E non è certo l’unica l’attività dell’Arma in questo periodo: controlli alle persone che escono, agli esercizi commerciali, alle aree periferiche o collinari, interventi nei confronti di persone che, fortunatamente pochi, delinquono e con le quali è praticamente impossibile adottare le misure di sicurezza della distanza o peggio con le quali spesso è indispensabile un contatto fisico con grande rischio di contagio o come accaduto oggi anche solo per “un po’ di compagnia” verso chi soffre la solitudine in questo duro periodo.

Ieri, infatti, i militari della Stazione di Finale Ligure, in Rialto hanno visitato due coniugi novantenni. Persone conosciute e stimate in pubblico, che nella vita ne hanno viste davvero tante e in questo periodo anche loro “soffrono” delle restrizioni necessarie al contenimento del Covid-19 e soprattutto della solitudine.

L’uomo ex partigiano, da tempo, con dedizione ed amorevole cura assiste l’anziana moglie non deambulante affetta dal morbo di Alzheimer, recentemente aveva espresso il desiderio di incontrare gli uomini dell’Arma. Così i militari del Comando Stazione finalese unitamente al loro Comandante hanno esaudito quel desiderio recandosi presso l’abitazione dei due coniugi per condividere con loro un semplice momento di cordialità offrendo loro un piccolo pensiero acquistato dai Carabinieri tutti.

Al termine della visita la coppia commossa, con rinnovata speranza e fiducia nella vita e nelle Istituzioni ha salutato i militari ringraziandoli per quel breve momento trascorso insieme e che ha donato ad entrambi la gioia di un incontro e di un po’ di compagnia in un momento così difficile in cui la solitudine mostra tutto il suo peso.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.