Decreto autovelox contro le multe selvagge. Prime reazioni della Provincia di Savona

Decreto autovelox contro le multe selvagge. Prime reazioni della Provincia di Savona
Spread the love

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi il decreto volto più alla sicurezza rispetto alle casse comunali

Sul decreto vedi anche QUI

Autovelox e multe – È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto Salvini Autovelox, un provvedimento che vuole regolare l’uso e la collocazione degli autovelox.

Dovranno essere individuate le strade con un provvedimento del Prefetto e segnalati almeno un chilometro prima fuori dei centri abitati, così come viene fissata la distanza minima che deve intercorrere tra un dispositivo e l’altro (progressiva per tipo di strada) in modo da evitarne l’accrescimento.

Non si potranno utilizzare dove esiste un limite di velocità eccessivamente ridotto: sotto i 50 Km, nelle strade urbane; per le extraurbane solo nel caso in cui il limite di velocità imposto non sia ridotto di più di 20 km rispetto a quello previsto dal codice per quel tipo di strada (se il limite è di 110 km/h, il dispositivo può essere utilizzato solo se il limite è fissato ad almeno 90 km/h ma non per limiti inferiori).

Altra precisazione del decreto è che l’utilizzo di dispositivi a bordo di un veicolo in movimento è consentito solo se c’è la contestazione immediata, altrimenti dovranno essere scelte postazioni fisse o mobili, debitamente visibili.

Autovelox Provincia Savona

Oggi, le prime reazioni degli enti locali, tra cui la Provincia di Savona.

<<Per la Provincia, la procedura rimane invariata, considerando che i nostri dispositivi di velocità, operativi potenzialmente 24 al giorno per tutto l’anno, hanno ottenuto regolare autorizzazione dalla Prefettura, in piena conformità con il codice della strada – commenta il presidente Pierangelo Olivieri -.

Inoltre, avevamo precedentemente presentato una richiesta all’Osservatorio per la Sicurezza Stradale, identificando le criticità e gli incidenti verificatisi sulle strade coinvolte.

Una questione distinta riguarda la gestione dei dispositivi noti come “velobox”, caratterizzati dal colore arancione, i quali necessitano non solo della presenza dell’apparecchiatura di rilevamento della velocità all’interno, ma anche di personale qualificato sul posto per contestare immediatamente le infrazioni e applicare le relative sanzioni.

Attualmente, qualora si rendesse necessaria l’installazione del velobox entro i confini del territorio comunale, sarà il Comune stesso a procedere con tale operazione. Tuttavia, nel caso in cui il dispositivo debba essere collocato lungo una strada provinciale all’interno del centro urbano e su richiesta del Comune, spetta alla Provincia il compito di rilasciare l’autorizzazione.

Attendiamo di esaminare – conclude – ciò che sarà ufficialmente stabilito all’interno del decreto e le relative disposizioni>>.

 

G. D.