Controlli anti coronavirus e delinquenza comune ad Albenga e Verbania

Controlli anti coronavirus e delinquenza comune ad Albenga e Verbania
Spread the love

Atti vandalici e furti nel centro storico di Albenga: i carabinieri identificano e denunciano gli autori

Negli ultimi giorni si sono registrati alcuni reati commessi da cittadini stranieri nel centro storico di Albenga

Nella serata di ieri, in via d’Aste e in piazza San Michele, due cittadini marocchini pregiudicati, già noti alle Forze dell’Ordine, sono stati identificati e denunciati alla magistratura, perché responsabili di alcuni danneggiamenti ad arredi urbani e presso due esercizi commerciali.

Con una pietra avevano infranto una vetrina di un negozio di abbigliamento in via Enrico d’Aste, così come avevano divelto alcune fioriere ornamentali del comune e, non soddisfatti, danneggiati alcuni vasi di piante nel dehors del bistrot a fianco del palazzo del municipio ingauno.

Tutti gli atti vandalici sono stati ricondotti ai due nordafricani che sono stati identificati e deferiti alla Procura, oltre che per i danneggiamenti, anche per aver violato l’ordinanza governativa in vigore.

Un altro noto marocchino, pregiudicato, si è reso responsabile di svariati piccoli furti presso farmacie e tabaccherie sia nel centro storico che presso il centro commerciale “Le Serre”.

In totale sono stati contestati tredici reati contro il patrimonio con l’aggravante della recidiva e della violazione del Dpcm connesso all’emergenza sanitaria.

Tra gli esercizi colpiti figurano la Farmacia “San Michele” di via delle Medaglie d’Oro, la Parafarmacia “San Michele” in piazza Marconi, la Tabaccheria “Mazzone” di via Dalmazia, la Tabaccheria “Romano” di via Brescia, la Tabaccheria “Nonsolofumo” presso il centro commerciale “le Serre”, un furto su una Porche in lungomare Colombo, un danneggiamento di autovettura in via Milano e un furto su autovettura in via Leonardo da Vinci.

Alcuni di questi furti sono stati commessi più volte negli stessi esercizi.

L’autore è stato identificato in tutti gli episodi ed è stato rintracciato anche in altri interventi richiesta da cittadini alla Centrale Operativa dei Carabinieri per schiamazzi, grida, disturbi di vario genere ed indebiti accessi presso alcuni condomini nel corso della notte.

È stata urgentemente richiesta alla Procura una misura cautelare restrittiva nei confronti dello scriteriato cittadino marocchino. Tale richiesta è attualmente al vaglio dei magistrati.

Prosegue, intanto, l’attività di controllo del territorio mirato al rispetto del Dpcm che ha già fatto registrare, in settimana, decine di denunciati. Per gli episodi di furto e vandalismo, la Compagnia Carabinieri ha predisposto l’intensificazione delle pattuglie in tutte le face orarie. Impiegato anche l’elicottero, che da giorni sorvola i centri urbani e le zone più periferiche per segnalare alle pattuglie a terra eventuali sospetti.

 

Arrestato verbanese per spaccio di sostanze stupefacenti

Nella giornata di ieri i carabinieri della Compagnia di Verbania, in particolare la sezione operativa, nel corso dei quotidiani controlli che in questi giorni si stanno svolgendo anche in questo capoluogo, e che sono volti a far rispettare gli ultimi decreti mirati al contenimento del contagio Covid 19, hanno arrestato un verbanese, F.F. classe 64, che girava per il Comune con l’intento di spacciare sostanza stupefacente.

Il reo è stato fermato e perquisito e, dopo che i carabinieri gli hanno trovato alcune dosi di cocaina e di eroina, sono andati a casa sua dove hanno rinvenuto e sequestrato anche il materiale per il taglio, la pesatura e il confezionamento in dosi.

L’uomo è stato quindi tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e posto in regime di custodia cautelare degli arresti domiciliari.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.