Genova cronaca breve. Usa un bar come base di spaccio, poi furti, risse, molestie, coltivazione cannabis

Genova cronaca breve. Usa un bar come base di spaccio, poi furti, risse, molestie, coltivazione cannabis
Spread the love

La Polizia di Stato sempre attenta ai controlli sul territorio del capoluogo

Usa un bar di Sestri come base per lo spaccio. Arrestato – Via Ravaschio, ore 15.45

La Polizia di Stato ha tratto in arresto un 31enne marocchino per spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo aveva messo in atto una florida attività di spaccio di cocaina utilizzando la toilette di un bar del quartiere.  I poliziotti del Commissariato Sestri, insospettiti da un insolito via vai di persone che si recavano spediti nella saletta sul retro ed uscivano dopo pochi minuti, hanno iniziato subito un’attività di appostamento per riuscire ad incastrare l’uomo prima che il locale venisse chiuso per le nuove disposizioni anti-Covid.

Ieri pomeriggio il pusher è stato fermato dagli agenti nella flagranza di uno smercio di stupefacenti: nelle tasche della giacca aveva 1600 euro in contanti. E’ scattata la perquisizione all’interno del bar, con l’ausilio del cane antidroga Nagut, che dopo qualche minuito ha segnalato il cestino della spazzatura del bagno. In un doppiofondo appositamente creato nel bidoncino vi erano nascoste infatti 20 dosi di cocaina.

Acquisite le immagini di videosorveglianza del bar gli agenti hanno visto il modus operandi dello spacciatore: incontrava i suoi clienti seduto ad un tavolino, ritirava i soldi, si recava in bagno a prendere l’involucro di la cocaina per poi sputarlo dentro ad un tovagliolino che consegnava all’acquirente fingendo di salutarlo con una stretta di mano.

L’uomo, pluripregiudicato, è stato condotto al carcere di Marassi.

                       

Minaccia i vicini con una “scacciacani” priva del tappo rosso. Denunciato – Via Prà, ore 11.20

Ieri, i poliziotti delle volanti dell’Upg hanno denunciato un italiano di 61 anni, incensurato, per il reato di minacce gravi.

L’uomo, a seguito di un diverbio scaturito per futili motivi, ha minacciato di morte i suoi vicini di casa, mostrando loro una pistola “scacciacani” priva del tappo rosso. Gli agenti, a seguito di perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto l’arma di libera vendita fuori dalla relativa custodia, munita di 9 cartucce, di cui una già “camerata” e una confezione contenente ulteriori 50 cartucce.

 

Ruba profumi costosi e prende a pugni il vigilante. Denunciata – Via XX Settembre, ore 17

Ieri pomeriggio, gli agenti dell’Upg hanno denunciato per tentata rapina impropria una 23enne ecuadoriana, pluripregiudicata.

La giovane ha prelevato dagli scaffali di una nota profumeria di via XX Settembre tre profumi, del valore commerciale di circa 250 euro, per poi uscire dal negozio senza pagare alcunché. Il suo passaggio ha però fatto scattare l’allarme delle barriere antitaccheggio e anche l’intervento dell’addetto alla sicurezza che l’ha seguita in strada raggiungendola poco distante e l’ha invitata a mostrare il contenuto della borsa dove aveva occultato la merce rubata.

Nell’attesa che arrivasse la volante della Polizia, la ragazza ha tentato di darsi alla fuga sferrando due vigorosi pugni al volto del vigilante che è caduto a terra. Anche negli uffici della Questura, dove sono emersi i suoi molteplici precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio, ha mostrato un atteggiamento ostile, simulando malesseri e svenimenti, per i quali è stato comunque richiesto l’intervento di personale medico.

 

Ubriaco spaventa una donna inseguendola lunga la strada. Denunciato – Via Inferiore Rio Maggiore, ore 21.10

Ieri sera, i poliziotti dell’Upg hanno denunciato un ecuadoriano di 45 anni, pluripregiudicato, per l’inosservanza di un ordine del Questore, sanzionandolo altresì per ubriachezza manifesta e per la violazione della normativa “anticovid”.

A richiedere l’intervento della Polizia una donna molto spaventata perché l’uomo, in evidente stato d’ebbrezza alcolica, la stava inseguendo lungo la strada, aggiungendo che lo stesso l’aveva avvicinata qualche minuto prima a bordo di un autobus della linea 13, sedendole accanto. Invitato a mantenere il necessario distanziamento, non solo non si è allontanato ma l’ha anche inseguita una volta scesa dal mezzo, provocandole un grande disagio.

I poliziotti, immediatamente intervenuti, lo hanno intercettato e fermato mentre camminava in via Geirato, permettendo alla donna di rincasare in serenità. In Questura sono emersi i numerosi precedenti per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti, oltre ad un ordine del Questore di allontanamento dal Comune di Genova, per la cui inosservanza è stato denunciato. Sanzionato anche per ubriachezza manifesta e per la violazione della normativa “anticovid” non essendo in grado di giustificare la sua presenza in strada a quell’ora.

 

Coltiva marijuana nel suo Bed Breakfast. Denunciato – Zoagli, lunedì

La Polizia di Stato ha denunciato un 33enne di Chiavari per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

A seguito di un’attività investigativa i poliziotti del Commissariato Chiavari hanno scoperto che il 33enne aveva messo in opera una coltivazione di cannabis in un terreno del suo Bed & Breakfast.

Gli agenti, a seguito di perquisizione, hanno sequestrato 9 piante alte un metro per un peso complessivo di 1215 grammi e ulteriori 740 grammi di marjuana, rinvenuti all’interno di un baule nell’abitazione dell’uomo.

 

G. D.

Un pensiero su “Genova cronaca breve. Usa un bar come base di spaccio, poi furti, risse, molestie, coltivazione cannabis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *