Anziano in stato confusionale sulla A10, l’operato della Polizia Stradale

Anziano in stato confusionale sulla A10, l’operato della Polizia Stradale
Spread the love

Recuperato anche un portafoglio in un’area di servizio e denaro in una via

Liguria – La Polizia di Stato oltre a svolgere le tante attività istituzionali volte al controllo del territorio, alla prevenzione e repressione dei reati è quotidianamente impegnata in altri importanti servizi resi alla collettività.

Così è accaduto che nella giornata di ieri nel corso di uno stesso turno di vigilanza lungo le tratte autostradali della Liguria le pattuglie della Polizia Stradale hanno svolto diverse attività a beneficio dei cittadini.

Nel primissimo pomeriggio infatti, una pattuglia della Stradale di Imperia in servizio lungo la autostrada Genova/Ventimiglia ha rintracciato un anziano che vagava a piedi in stato confusionale nei pressi del casello di Borghetto S. Spirito.

Dopo averlo messo in condizioni di sicurezza e atteso insieme a lui l’arrivo di un’ambulanza per verificarne le condizioni di salute, gli operatori, tramite il Centro Operativo Autostradale sono riusciti ad avvisare i familiari.

Subito dopo, sempre sull’A/10, una pattuglia della Polizia Stradale di Genova ha trovato nei pressi dell’area di servizio S. Cristoforo nord, un giubbino con all’interno un portafoglio contenente documenti e 540 euro in contanti. Gli operatori del Coa hanno rintracciato in un breve lasso tempo il proprietario che, alla pattuglia che gli ha restituito il portafoglio, ha riferito di aver appoggiato il giubbotto sul tetto dell’auto per sistemare i bagagli per poi ripartire dimenticandosene.

In serata una pattuglia del Distaccamento di Chiavari, su segnalazione di un passante, ha rinvenuto un’altra somma di denaro nell’ambito della viabilità ordinaria nel comune di Sestri Levante. Non essendo riusciti a risalire al proprietario, gli operatori hanno depositato il denaro presso la Casa Comunale di Sestri Levante, in attesa che si faccia vivo il legittimo proprietario portando così a buon fine un altro servizio per la collettività.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *