Savona situazione imprese 2023: Valli Erro e Orba reggono la crisi

Savona situazione imprese 2023: Valli Erro e Orba reggono la crisi
Spread the love

Cresce edilizia e servizi, calano commercio, agricoltura e industria

Vedi i dati di tutti i Comuni della provincia di Savona – imprese totali 2023

Savona imprese – Tra le evidenze che emergono dall’analisi della Camera di Commercio Riviere di Liguria sui dati Movimprese, che fotografa l’andamento demografico delle imprese della provincia di Savona nel 2023, più imprese edili e di servizi. Meno imprese nel commercio, nell’agricoltura e nell’industria.

Numeri contenuti: 28717 imprese registrate al 31 dicembre 2023, il saldo tra iscrizioni e cessazioni è negativo con meno 94 unità (-0,32% in termini percentuali), un dato che riporta la consistenza delle imprese ai livelli del periodo pandemico.

Infatti, nel 2020, anno di maggior impatto della pandemia, il saldo tra aperture e chiusure aveva fatto registrare un valore negativo (-75 unità), completamente riassorbito nel 2021 quando si era registrata una ripresa (+223) proseguita anche nel 2022, pur con un saldo leggermente inferiore (+119). I dati del 2023 rappresentano quindi una inversione di rotta, che risente, oltre tutto, dello scenario economico nazionale d’incertezza caratterizzato da inflazione, tensioni geopolitiche e cambiamenti tecnologici.

Il rapporto tra le aperture di nuove imprese e la chiusura di imprese esistenti, riflette questa situazione: il tasso delle cessazioni (+5,42%) supera sensibilmente quello delle iscrizioni (+5,09%). In valori assoluti, si è passati, per quanto riguarda le iscrizioni, dalle 1.467 nuove aperture del 2022 alle 1.480 del 2023, mentre, per quanto riguarda le cessazioni, si è passati dalle 1.348 cessazioni del 2022 alle 1.574 del 2023.

Il tasso di crescita del numero delle imprese del Savonese (-0.32) risulta inferiore sia a quello regionale (-0,02%) sia a quello del Nord Ovest (+0,73%) sia nazionale (+0,7%).

Visto dai settori, rispetto al 2022, si registrano tassi di crescita positivi per quanto riguarda le costruzioni (+1,57%) ed i servizi (+0,74%), mentre hanno segno negativo agricoltura (-2,65%), commercio (-2,69%) ed industria (-0,33%).

Crescono le società di capitali aumentate di 112 unità rispetto al 2022 (+2,35% in termini percentuali); le imprese individuali, che rappresentano oltre la metà (58%) del totale delle imprese registrate, risultano in diminuzione rispetto al 2022: 95 unità in meno, corrispondenti a meno 0,56% in termini percentuali.

Il vicepresidente dell’Ente camerale, Angelo Berlangieri, commenta i dati non solo da un punto di vista quantitativo ma, soprattutto, sotto l’aspetto qualitativo.

<<Occorre valutare anche il ‘peso’ delle aziende che cessano – commenta Berlangieri -. A chiudere sono infatti soprattutto le imprese individuali, mentre l’aumento del numero di imprese costituite nella forma di società di capitali testimonia un processo di trasformazione verso forme di impresa più strutturate, aspetto sicuramente positivo.

La diminuzione numerica registrata, inoltre, non è tale da incidere sulla tenuta del sistema economico savonese, che altri dati confermano come performante, ad esempio, dal punto di vista del lavoro, della portualità, del valore aggiunto provinciale>>.

Buoni i dati nelle Valli Erro e Orba, dove le imprese tengono nonostante la crisi degli entroterra liguri, colpiti anche da un calo demografico piuttosto consistente. Se riprendiamo i dati dell’immagine e la traduciamo in incidenza percentuale, solo il Comune di Mioglia ha subìto un forte saldo negativo.

  • Giusvalla una impresa in meno pari a -2.50%;
  • Mioglia sei imprese in meno pari a -10.52%;
  • Pontinvrea invariato;
  • Sassello tre imprese in meno pari a -1.53%;
  • Stella una impresa in meno pari a -0.52%;
  • Urbe invariato.

 

G. D.