La disfatta delle donne candidate. Il rammarico di Elena Putti, non eletta con 1311 voti

La disfatta delle donne candidate. Il rammarico di Elena Putti, non eletta con 1311 voti
Spread the love

“La parità di genere, arrivata forse in ritardo, non è bastata per poter consegnare alla Regione consigliere donne”

<<Le donne – scrive Elena Putti, candidata Pd nel collegio genovese, non eletta con ben 1311 preferenze – rimangono gravemente sottorappresentate nel nuovo consiglio e assenti del tutto nel gruppo Pd (oltre che poco rappresentate nei suoi organi interni) e negli altri partiti strutturati – laddove le donne vengono sostenute internamente dalle loro forze politiche di appartenenza raramente deludono e anzi sono in grado di fare grandi cose a beneficio dei gruppi.

La coalizione proposta in questa competizione – continua Putti – non ha arricchito il piatto, anzi in molti territori come il mio ha depotenziato il partito. Una fusione a freddo senza confronto aperto con la base, la carenza di una piattaforma di proposta politica strutturata e la mancata inclusione del polo liberal democratico, parte costituente delle radici del progetto originario Pd, sono alcuni errori che sono pesati molto e che andranno corretti nel prossimo progetto.

Donne sottorappresentate nel nuovo consiglio

La città esce umiliata dal confronto con i comuni delle altre province sotto il profilo delle preferenze espresse per i consiglieri.  Questo è il sintomo di un partito locale che ha perso radici territoriali, senso di comunità, contatto con i corpi intermedi e organismi vitali del tessuto produttivo cittadino. Il risultato di Genova impone una riflessione severa, per una sconfitta tra le più dure, senza la quale non è possibile avviare su basi nuove il lavoro di ricostruzione in vista delle elezioni amministrative del comune di Genova>>.

La Putti si rende infatti disponibile ad essere parte attiva di un rinnovamento all’interno del Partito Democratico, rinnovamento ormai necessario e voluto da tutti i genovesi e i liguri.

<<Il tanto acclamato congresso – conclude -, da più correnti richiesto dopo lo spoglio dei risultati, mi vedrà in prima linea con proposte per un nuovo corso del partito>>.

 

Ricordiamo cosa scriveva Elena Putti il 28 ottobre 2019 sul suo profilo Facebook.

<<Il risultato delle elezioni in Umbria non è assimilabile alla situazione ligure, ma ci deve indurre a riflettere con urgenza se il matrimonio con i 5S possa essere sufficiente a condurre il Pd alla vittoria. Secondo noi, in Liguria, non lo è.

Verso la Liguria del 2020 la risposta è invece costruire, già da oggi, un fronte comune aperto, che si incontri attorno alla radicalità delle sue proposte innovative, un vero coinvolgimento del mondo civico e un rinnovamento nei volti.

Se in Liguria vogliamo veramente giocarci la partita e conquistare una regione che oggi inizia ad essere realmente contendibile, è necessario iniziare subito a dialogare anche con le varie sensibilità progressiste e centriste a partire da tutti coloro che hanno deciso di prendere le distanze dalle attuali forze di governo di Regione e Comune.

Un’alleanza preconfezionata imposta dall’alto, che non ha avuto il tempo e gli strumenti per lievitare, non è commestibile per i territori che cercano indirizzi chiari per ripartire. Ogni regione ha le proprie ricette e nella nostra Liguria il mondo produttivo, in tutti i suoi settori, che desidera lavoro, rilancio economico ed infrastrutturale è un ingrediente fondamentale>>.

L’alleanza è stata fatta, e, pare, sarà il futuro del centrosinistra.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *