Stalker non si rassegna, va due volte a casa della ex buttando giù la porta

Stalker non si rassegna, va due volte a casa della ex buttando giù la porta
Spread the love

Continua a presentarsi a casa della ex a Genova-Staglieno, ieri alle 15,30 e alle 22, denunciato due volte dalla Polizia di Stato

La Polizia di Stato di Genova ha denunciato un 31enne piemontese per atti persecutori ripetuti e violazione di domicilio.

Nel pomeriggio di ieri la volante dell’Upg è stata inviata presso un appartamento di Staglieno poiché la proprietaria ha riferito che il suo ex ragazzo le aveva fatto visita.

Lei lo aveva già denunciato per comportamenti violenti nei suoi confronti, ma si era presentato alla porta per parlarle contro la sua volontà.

Quando ha aperto agli agenti era visibilmente scossa e ha raccontato di aver concluso definitivamente la relazione con il 31enne da qualche mese ma che lui non si rassegnava.

L’uomo, ancora nelle vicinanze del palazzo, è stato condotto in Questura e denunciato per stalking. Gli è stato anche notificato un provvedimento di Foglio di via obbligatorio dal Comune di Genova disposto dal Questore.

L’uomo è rimasto in città e in serata si è ripresentato dalla ex urlando, suonando insistentemente il campanello e piangendo

La donna non si è fatta convincere ad aprire, ma quando lui ha finto di andarsene lei ha socchiuso l’uscio con il ferro morto per verificare che tutto quell’improvviso silenzio corrispondesse in effetti alla sua dipartita.

In quel momento l’uomo con un gesto fulmineo si è avventato con tale violenza contro la porta che è riuscito a danneggiare il ferro morto ed entrare nell’appartamento.

Per fortuna la vittima nel frattempo aveva già chiamato i soccorsi e quando i poliziotti sono arrivati hanno trovato l’ex fidanzato ancora in casa e lei talmente scossa da avere le convulsioni.

Il 31enne è stato denunciato per violazione di domicilio e nuovamente per atti persecutori. La vittima, condotta in ospedale, è stata refertata con sette giorni di prognosi per le contusioni a braccio e caviglia provocate dall’apertura violenta della porta.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *