Genova cronaca breve. Spaccio e furto di corrente elettrica

Genova cronaca breve. Spaccio e furto di corrente elettrica
Spread the love

Tre operazioni della Polizia di Stato del capoluogo ligure

Ruba una penna col suo nome e aggredisce la vigilante. Denunciata – Via XX Settembre, ore 11.30

I poliziotti delle volanti dell’Upg di Genova ieri mattina hanno arrestato per rapina impropria una genovese di 48 anni, pregiudicata per reati contro la persona.

La donna, dopo aver fatto acquisti presso un esercizio commerciale del centro, ha oltrepassato la barriera delle casse facendo scattare il sistema antitaccheggio. Invitata dall’addetta alla sicurezza a mostrare il contenuto delle borse, la 48enne ha estratto da uno zaino una penna stilografica in vendita presso il negozio, sulla quale era stato inciso il suo nome di battesimo con la descrizione “dolce, amorevole e coraggiosa”, di cui però non possedeva lo scontrino d’acquisto.

Alla richiesta di spiegazioni, assumendo un atteggiamento nervoso, ha riferito di averla acquistata in un altro punto vendita per poi andare su tutte le furie dandosi alla fuga, non prima di aver strappato la penna dalla penna dalle mani della vigilante, affondandole le unghie nelle dita e tirandole uno schiaffo.

Stesso trattamento riservato ad un anziano signore che avendo assistito alla scena ha cercato di fermarla.

Gli agenti, giunti sul posto dopo pochi minuti, si sono messi subito alla ricerca della donna rintracciandola nei pressi di via Cadorna. Anche con loro si è mostrata poco “dolce e amorevole” rifiutandosi in un primo momento di mostrare i documenti d’identità e rendendo necessario il suo accompagnamento in Questura dove è stata denunciata.

Rubano la corrente elettrica del condominio. Denunciati – Via Barchetta, ore 21.30

Ieri sera gli agenti delle volanti dell’Upg di Genova hanno denunciato due genovesi di 54 e 55 anni per furto aggravato in concorso.

A richiedere l’intervento sono stati alcuni condomini di uno stabile di via Barchetta insospettiti dopo aver visto un cavo elettrico volante attaccato ad una presa del piano terreno che, attraverso la tromba delle scale, saliva fino ad un appartamento del secondo piano.

I poliziotti, dopo aver raggiunto l’abitazione in questione, hanno scoperto che i due uomini trovati all’interno avevano collegato all’impianto elettrico del condominio una televisione trovata accesa e una piantana con la quale stavano illuminando gli ambienti, attraverso l’assemblaggio di cavi che in più punti risultavano scoperti, mettendo a rischio l’intero stabile.

Dai successivi controlli effettuati con l’intervento di tecnici Enel, è emerso che lo scorso 30 settembre la società fornitrice aveva interrotto per insolvenza la fornitura di energia elettrica nell’appartamento.

L’impianto abusivo è stato rimosso e il condominio messo in sicurezza.

Controlli ai giardini Melis: Un denunciato ore 21

La Polizia di Stato di Genova ha denunciato un 24 enne nato in Ecuador, naturalizzato italiano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Gli operatori delle Volanti dell’Upgsp hanno effettuato un servizio di pattugliamento nei pressi dei giardini Melis dove i residenti della zona lamentano la presenza di persone che si ritrovano in serata a spacciare o consumare sostanze stupefacenti.

Giunti sul luogo, dove erano presenti svariati involucri vuoti per terra, alcuni ragazzi alla vista dei poliziotti sono scappati via velocemente. Il 24enne è stato identificato e ha consegnato una busta con all’interno tre pezzi di sostanza solida erbacea verde.

Siccome gli accertamenti tramite la locale sala operativa hanno fatto emergere a suo carico diversi precedenti per uso e spaccio di sostanza stupefacente, il controllo è proseguito nella sua abitazione dove sono state rinvenute altre due bustine identiche alla precedente con sostanza derivante dalla cannabis per un peso lordo di grammi 8,61 e altre bustine per il confezionamento.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *