Gasolio venduto a 90 centesimi al litro in un distributore abusivo nel Basso Piemonte

Gasolio venduto a 90 centesimi al litro in un distributore abusivo nel Basso Piemonte
Spread the love

Sequestrate 4 autobotti e circa 15mila litri di carburante in 7 depositi clandestini, 27 persone denunciate

Asti gasolio – Le Fiamme Gialle di Asti, hanno provveduto ad un sequestro preventivo di 7 diversi siti (6 in Asti e provincia e uno nel torinese), risultati adibiti allo stoccaggio clandestino di gasolio di provenienza illecita, al sequestro di 4 autobotti e circa 15mila litri di gasolio.

14 le perquisizioni avvalendosi della collaborazione anche dei Reparti del Corpo di Velletri, Aulla, Baia e Canelli, dei VV.FF. di Asti e dell’Ufficio Metrico della Camera di Commercio.

Gli accertamenti hanno preso il via dopo che le pattuglie sono state attirate da movimenti sospetti e frequenti di autobotti di carburante e altri mezzi commerciali e autovetture, presso un opificio artigianale.

Infatti, il gestore adibiva i locali aziendali a deposito e distributore abusivo di carburante, poi ceduto in nero a diversi clienti, che lo acquistavano al prezzo altamente concorrenziale di 90 centesimi al litro. Il tutto in spregio alle norme sulla sicurezza antincendio, in frode ed evasione delle imposte, alterando la libera e regolare concorrenza commerciale.

Peraltro, il gasolio commercializzato è risultato avere una strana colorazione tendente al marrone, frutto della miscelazione di diverse tipologie di prodotto di provenienza illecita.

Le indagini hanno consentito così di arrivare a svelare l’illecito sistema di due diversi distinti gruppi di principali indagati, tra cui vi sono alcuni autisti di autobotti, dipendenti di una impresa del settore petrolifero e taluni altri autisti insieme al gestore di una ditta di autotrasporto.

<<Questi – spiegano dal Comando di Asti -, nello svolgere il trasporto di carburante, con autobotti munite di regolare documentazione fiscale per conto di depositi petroliferi regolarmente operanti e autorizzati con apposita licenza al deposito e alla commercializzazione dei carburanti ed i cui titolari e rappresentanti legali sono estranei alle indagini, al termine delle previste consegne giornaliere ai clienti ufficiali (per lo più agricoltori, condomini e altri piccoli operatori), con artifizi e raggiri ne avrebbero dirottato una parte residua rimasta nella cisterna, portandola nei 7 depositi clandestini, tra i quali quello adibito a distributore abusivo di carburante.

Sedici i clienti scoperti a fare il pieno dell’assai conveniente carburante, segnalati per ricettazione. Le persone coinvolte sono in tutto 27, indagate con vario titolo e ruolo nella frode ipotizzata per reati di truffa aggravata, riciclaggio, ricettazione e violazione del Testo Unico sulle Accise per evasione delle imposte gravanti sulla cessione di carburante destinato all’autotrazione>>.

Nelle perquisizioni eseguite ieri, con l’ausilio del personale dell’Ufficio Metrico, è stato scoperto un meccanismo di frode per taroccare l’erogazione del gasolio: tramite un comune telecomando (del tutto simile a quelli usati per il cancello del garage di casa), che premuto consente di alterare la meccanica del contalitri delle autobotti, facendo sì che pure senza alcuna effettiva erogazione di prodotto il contatore continui a girare a vuoto, in modo da registrare al termine dello scarico una quantità di prodotto erogata pari a quella riportata nel documento fiscale di consegna, traendo in inganno il cliente.

Il procedimento penale si trova ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo in caso di emissione di una sentenza irrevocabile di condanna.

 

G. D.