Ottimismo. Verso riaperture, spostamenti, sostegni all’economia

Ottimismo. Verso riaperture, spostamenti, sostegni all’economia
Spread the love

“Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia”, ha spiegato il presidente Mario Draghi

Il Governo Draghi sta studiando nuove misure che saranno contenute in un prossimo decreto del Consiglio dei ministri. Esso riguarderà spostamenti e riaperture sul territorio nazionale.

Vediamo alcune anticipazioni.

Zone

A partire dal 26 aprile tornano le zone gialle.

Riaperture

Sarà data precedenza alle attività all’aperto.

Ristoranti

Sarà favorita la ristorazione con tavoli all’aperto per pranzo e cena. Il rischio contagio all’aria aperta è ovviamente più basso. I ristoranti potranno riaprire anche al chiuso solo a pranzo a partire dal 1° giugno.

Musei, teatri, cinema, spettacoli, piscine, palestre

I musei in zona gialla potevano già riaprire. Per teatri, cinema e spettacoli in zona gialla potranno riaprire secondo i limiti di capienza che stabilirà i Cts – Comitato tecnico scientifico.

Dal 15 maggio riapriranno le piscine all’aperto e dal 1° giugno le palestre. Poi toccherà a fiere e congressi, stabilimenti termali e parchi tematici.

Scuole

  • Nelle zone gialle e arancioni riapriranno in presenza le scuole di ogni ordine e grado.
  • Nelle zone rosse saranno aperti in presenza gli asili nido e le scuole fino alla prima media, mentre le superiori saranno suddivise parte in presenza e parte a distanza.

Spostamenti

Il presidente Draghi è stato chiaro: “sarà di nuovo possibile spostarsi liberamente fra Regioni in zona gialla”.

Per spostarsi in Regioni di diverso colore occorrono tre condizioni:

  • avvenuta vaccinazione,
  • esecuzione di un test Covid-negativo recente,
  • avvenuta guarigione da Covid.

Sostegno all’economia

“Se la crescita sarà quella attesa – ha spiegato Draghi -, pensiamo che non servirà una manovra correttiva negli anni a venire. Il processo si traduce in un’uscita dal debito per effetto della crescita”.

I sostegni seguiranno due tipi di logica:

  • un sostegno alle persone e alle famiglie che hanno subito un calo del reddito e non per loro colpa,
  • un aiuto in favore delle imprese per evitare che chiudano per mancanza di liquidità.

Draghi ha ricordato che dal 30 marzo ad oggi l’Agenzia delle Entrate ha erogato 3 miliardi di euro di pagamenti relativi al decreto “Sostegni” e ne erogherà ancora nel mese di aprile.

“Si rafforzeranno – ha proseguito il presidente – gli aiuti alle aziende e alle partite Iva colpite dalla crisi. Ci saranno misure per coprire i costi fissi, come affitti e bollette, nonché interventi per favorire il credito e la liquidità e rinvii ed esenzioni delle tasse. E anche risorse in più per i giovani e per gli enti territoriali”.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *