Aggrediti due autisti della Tpl Linea, oggi a Finale e ieri ad Alassio

Aggrediti due autisti della Tpl Linea, oggi a Finale e ieri ad Alassio
Spread the love

Tpl: “Intollerabili le aggressioni ai nostri autisti”. Presidio di guardie giurate e contatto continuo con le forze dell’ordine

Due aggressioni in due giorni sono davvero troppe per chi svolge il proprio lavoro in difficili condizioni: non tutti gli utenti mettono la mascherina ed i pericoli della pandemia mettono già gli autisti in situazioni di grave pericolo. La direzione Tpl si è attrezzata e sta cercando di mettere in sicurezza il proprio personale.

“Esprimiamo enorme dispiacere – dicono da Tpl – per gli episodi di aggressione al nostro personale che stanno accadendo in questi giorni. L’ultimo in ordine di tempo quello di questa mattina sulla linea 32 che collega Finalmarina all’ex ospedale Ruffini, che si aggiunge a quello di ieri sera sulla linea 40 avvenuto ad Alassio”.

“Manteniamo il presidio di guardie giurate sui mezzi e un contatto continuo con le forze dell’ordine. Stiamo facendo il massimo sforzo possibile per garantire la piena sicurezza sui nostri mezzi e bus”.

“Stiamo attrezzando gli autobus di paratie e protezioni per gli autisti, ma rimangono questi episodi intollerabili per i quali esprimiamo solidarietà ai nostri dipendenti che, dopo aver dovuto operare nel periodo del lockdown, si trovano ora ad affrontare anche queste situazioni, davvero inaccettabili”.

“Come azienda di trasporto pubblico savonese rimaniamo a disposizione per ogni iniziativa e intervento possibile sul tema sicurezza, essenziale per assicurare un servizio di qualità alla nostra utenza e ai nostri viaggiatori”.

“Massimo dialogo – concludono la presidente Simona Sacone e il direttore generale Giovanni Ferrari Barusso – anche con le organizzazioni sindacali giustamente preoccupate per la situazione”.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *