Telefoni, attenzione agli squilli truffa che possono costare anche 1,5 euri al secondo

Telefoni, attenzione agli squilli truffa che possono costare anche 1,5 euri al secondo
Spread the love

Le raccomandazioni della Polizia Postale

I poliziotti della Postale la definiscono la “truffa dello squilletto”: “arriva una telefonata da un numero estero, di solito un paio di squilli per attirare l’attenzione dell’utente. Poco dopo ne arriva un’altra. A quel punto la curiosità spinge alcune persone a richiamare il numero, cadendo nella trappola dei truffatori”.

Infatti a loro, ai truffatori, interessa proprio la risposta, dove se va bene non risponde nessuno, in altri casi parte una registrazione della durata di diversi secondo.

“Può sembrare uno scherzo – dicono dalla Postale -, ma questo “scherzo” può arrivare a costare anche 1,5 euro al secondo. La telefonata viene infatti reindirizzata a una linea a pagamento che prosciuga il credito e arricchisce gli imbroglioni>>.

E’ la truffa “Wangiri”, è da parecchio che gira ed episodicamente tende ad apparire, specie nelle tasche degli ignari utenti cadono nel trabocchetto.

Poi in questo periodo di isolamento, il cellulare è sempre a portata di mano e la curiosità la si soddisfa con più facilità.

La polizia segnala alcuni numeri: Tunisia (+216), Inghilterra (+44), Moldavia (+373), Kosovo (+383), Bielorussia (+375), Tanzania (+255)…

“Non richiamare i numeri sconosciuti, non inviare messaggi, non aprire link contenuti in sms o messaggi provenienti da altri sistemi di messaggistica collegati a quei numeri e in caso di sospetti fate una segnalazione alla Polizia postale.

A me è successo un paio di volte ieri, a mia moglie stamane: due squilli in una sequenza rapidissima, provenienza Tunisia. Non conosciamo!

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.