Picalli con la prima grattata apre la Festa nazionale del tartufo Val Bormida

Picalli con la prima grattata apre la Festa nazionale del tartufo Val Bormida
Spread the love

Tre giornate all’insegna della enogastronomia, dei profumi e dei sapori del territorio

Ieri la “Prima grattata” ha aperto la XXIX Festa nazionale tartufo della Val Bormida, dove per dal 1° al 3 ottobre il prezioso tubero sarà il re indiscusso di Millesimo.

Con il mercato del tartufo e quello dell’enogastronomia, il convegno tematico, la tartufaia a cielo aperto, la notte in bianco del tartufaio e la ristorazione diffusa proposta dagli esercizi del borgo, dallo stand della Pro loco e da quello delle De.Co.

«Un evento che abbiamo fortemente voluto – commenta il sindaco di Millesimo Aldo Picalli -, nonostante le difficoltà create dalla pandemia. Crediamo che, un seppur ancora limitato, ritorno alla normalità sia fondamentale per la nostra vita sociale, ma anche per la nostra economia e per il nostro territorio».

«Sono importanti le novità di questa edizione, preludio di collaborazioni e sinergie future, prime tra tutte l’allestimento del PalaTartufo e del Pala De.Co. – spiega Maurizio Bazzano, presidente dell’associazione Tartufai e Tartuficoltori liguri -.

Nel primo padiglione, allestito in piazza Italia, è possibile trovare il tartufo fresco, particolarmente prezioso in questa stagione cosi siccitosa. Nel secondo sono presenti le Denominazioni comunali della Valle: Bormida con i fazzini, Dego con i subricchi, Pallare con i lisotti, Cairo con la tira, Roccavignale con le cipolle ripiene e la micca, Cengio con il risotto di zucca di Rocchetta e la zuppa di moco.

Una vera e propria passeggiata enogastronomica – conclude Bazzano – tra le nostre eccellenze gastronomiche che fondano le loro origini su antiche ricette e prodotti a chilometro zero».

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *