Maradona usò la bici a Villanova d’Albenga, va all’asta per la Croce Bianca

Maradona usò la bici a Villanova d’Albenga, va all’asta per la Croce Bianca
Spread the love

Quando prese la bici per un giretto all’aeroporto Panero: la storica Bianchi all’asta per la Croce Bianca scadenza 20 dicembre

Regolamento asta bici Croce Bianca

Oggi è un anno dalla scomparsa di Diego Armando Maradona e Albenga lo ricorda quando il 15 marzo 1986 atterrò all’aeroporto di Villanova con i fratelli Abbagnale, da lì a poco vinse i Mondiali in Messico.

Quel giorno dopo l’atterraggio prese una bicicletta per fare un giretto nell’area aeroportuale, una bici ritrovata dopo qualche giorno tra le siepi, ed era dell’allora presidente dell’Aero Club di Savona e della Riviera Ligure Mauro Zunino.

Oggi Zunino fa un bel gesto e la mette all’asta per la Croce Bianca di Albenga.

<<La fatidica giornata del 1986, emersa con la scomparsa di Maradona, ha risvegliato alcuni ricordi e la stessa ricerca di documentazione sulla presenza del campione argentino nel ponente ligure – racconta Zunino -. La bicicletta l’avevo lasciata sul piazzale ed ecco spuntare un cappellone di bassa statura che si è impossessato della mitica Bianchi, iniziando ad esibirsi sul piazzale fino all’arrivo di un pulmino per condurre Maradona e la comitiva a Sanremo”.

Recentemente – prosegue Zunino – ho ricordato la giornata e la vicenda con un giornalista, Federico De Rossi, che mi ha lanciato l’idea… Mettere all’asta la bicicletta per beneficienza, proprio ad un anno dalla morte di Maradona. Così ho pensato subito alla Croce Bianca di Albenga e dopo un breve colloquio i vertici della pubblica assistenza sono rimasti entusiasti della proposta>>.

<<Abbiamo subito accolto con favore l’iniziativa – afferma il presidente della Croce Bianca di Albenga Dino Ardoino -, in quanto si tratta di un vero e proprio reperto storico. La vendita all’asta della bici, ad un anno dalla sua morte, speriamo possa portare benefici alla nostra pubblica assistenza in un momento ancora difficile e delicato per l’emergenza Covid>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *