Ambulanze ferme al Pronto Soccorso del Galliera per mancanza di letti

Ambulanze ferme al Pronto Soccorso del Galliera per mancanza di letti
Spread the love

Carrubba (Croce Bianca Genovese): “Situazione non più procrastinabile”

Genova – La denuncia del presidente della Croce Bianca Genovese, Walter Carrubba, è ferma ed a voce alta, la manca di letti agli Ospedali Galliera costringono le ambulanze a lunghi tempi di attesa.

<<Stamattina ci tocca lanciare l’ennesimo (e speriamo, almeno stavolta, non inascoltato) ‘grido di dolore’: da stanotte alle 00:30, infatti, un nostro equipaggio di tre soccorritori è letteralmente bloccato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Galliera – afferma Carrubba – a causa della mancanza di lettini che costringe il paziente ad essere mantenuto sulla nostra barella, per di più in codice giallo, quello di media gravità la cui trattazione dovrebbe avvenire, secondo le nuove linee, entro 15 minuti.

Questa situazione – continua il presidente -, per la quale non si può parlare certo di emergenza considerato che permane da anni e anni, pone in grave difficoltà non solo la nostra Pubblica Assistenza ma anche tutte le altre: i volontari del turno notturno (che avevano dato disponibilità dalle 20.30 alle 7.30) devono recarsi al lavoro, peraltro dopo un’intera notte in bianco.

A loro e ai dipendenti va inviato il cambio e il mezzo resta fermo, venendo così sottratto all’emergenza territoriale e ai trasporti sanitari ordinari. Il tutto, naturalmente, con un estremo disagio anche per la nostra centrale operativa che deve riorganizzare completamente la turnistica.

Mentre scriviamo, all’ospedale Galliera restano più di 60 pazienti di cui 15 in attesa e ben 40 tra codici rossi e gialli attualmente in visita.

Chiediamo quindi anticipatamente scusa a tutta la cittadinanza per eventuali disservizi, del tutto indipendenti dalla nostra volontà. Il modo migliore per aiutarci – conclude Carrubba – sarebbe quello di “farsi sentire” nelle sedi opportune, questa situazione non è più tollerabile né procrastinabile. Ci date una mano?>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *