Blitz della Polizia nel centro storico di Genova: arresti e denunce, pusher, stalking, blocca un autobus

Blitz della Polizia nel centro storico di Genova: arresti e denunce, pusher, stalking, blocca un autobus
Spread the love

113 persone identificate, 332 veicoli controllati ed uno spacciatore arrestato

Sabato e domenica, centro storico genovese

La Polizia di Stato genovese, nell’ultimo week end, ha monitorato il centro storico cittadino, alternandosi con le altre forze dell’ordine nelle zone di competenza assegnate.

I poliziotti del Commissariato Centro e Prè, con l’ausilio di personale della Questura e del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, hanno identificato complessivamente 113 persone (di cui 55 pregiudicati) e controllato 332 veicoli con il sistema Mercurio.

Durante l’attività, nella serata di ieri, i poliziotti del Commissariato Centro hanno arrestato un 23enne cittadino del Mali, pluripregiudicato, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Il giovane, alla vista degli operatori ha cercato di eludere il controllo cambiando direzione e dandosi alla fuga. Dopo un faticoso inseguimento, gli agenti sono riusciti a fermarlo nonostante la sua violenta resistenza opposta. Durante la colluttazione il 23enne ha sputato un involucro immediatamente recuperato e risultato contenere 10 tavolette di cannabis incellophanante singolarmente, per un peso complessivo di 10 grammi.

Questa mattina verrà giudicato con rito direttissimo.

 

Val Polcevera, ore 23 – Si presenta dalla ex e scardina una persiana per entrare nella sua abitazione. Arrestato

Ieri sera i poliziotti delle volanti dell’Upg hanno arrestato un 57enne tunisino per tentata violazione di domicilio, denunciandolo anche per stalking.

L’uomo si è presentato presso l’abitazione della ex moglie e, con il pretesto di dover prelevare alcuni abiti lasciati nella casa coniugale, ha preteso di farsi aprire la porta. Al netto rifiuto della donna, intimorita dal suo temperamento aggressivo, il 57enne ha divelto la persiana della finestra posta al primo piano, scaraventandola sul manto stradale.

Gli agenti, immediatamente intervenuti, hanno trovato e bloccato il tunisino mentre ancora cercava una via d’accesso all’abitazione. La donna, una connazionale molto più giovane di lui, ha raccontato agli operatori che oramai da anni subisce gli atti persecutori dell’ex marito, denunciati più volte, ma anche perdonati con la speranza che un riavvicinamento potesse placare la sua rabbia.

Ieri l’ennesimo episodio di violenza le ha confermato che l’uomo non ha nessuna intenzione di cambiare atteggiamento. Il 57enne, già colpito da ammonimento del Questore, è stato arrestato e associato presso il carcere di Marassi a disposizione dell’A.G.

 

Corso Europa, ore 17.15 di sabato – Tentato furto

I poliziotti del Commissariato San Fruttuoso hanno denunciato per tentato furto aggravato genovese di 33 anni. L’uomo è stato scoperto da un addetto alla vigilanza della Coop di corso Europa, mentre tentava di oltrepassare la barriera a delle casse occultando nella borsa 10 bottiglie di superalcolici per un valore di 130 euro. Il 33enne era già stato sorpreso a rubare pochi mesi fa nello stesso esercizio.

 

Piazza Pallavicini, ore 11,40 di domenica – Blocca un autobus per un’ora, denunciato

Gli agenti dell’Upg hanno denunciato per interruzione di pubblico servizio un cittadino del Camerun di 29 anni, irregolare. L’uomo è salito su un autobus della linea 53 senza indossare la mascherina obbligatoria, giustificandosi con i passeggeri arrabbiati dicendo che l’aveva rotta. Invitato, almeno, a tamponare le vie aeree da un cittadino marocchino di 36 anni, ha reagito con violenza colpendolo con un pugno al volto. Insoddisfatto si è poi posizionato tra le porte centrali del bus impedendone la partenza per almeno un’ora.

 

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *