Liguria maltempo, stato di emergenza? Anci in aiuto ai piccoli comuni

Liguria maltempo, stato di emergenza? Anci in aiuto ai piccoli comuni
Spread the love

Protezione civile al lavoro per la richiesta di stato di emergenza. Anci Liguria verso le comunità locali che da soli non potranno far fronte ai numerosi danni

Completati i sopralluoghi sulle zone colpite dal maltempo del 4 ottobre, la Protezione Civile regionale sta predisponendo la relazione per la richiesta dello stato di emergenza, infatti lo stato di emergenza viene deliberato dal Consiglio dei Ministri e permette di stanziare le risorse per gli interventi di somma urgenza, risorse che mai come questa volta risultano indispensabili per i comuni di Savona e Genova.

Rossiglione, Pontinvrea, Tiglieto, Urbe, Sassello, tra quelli piccoli i più colpiti, i primi due in ginocchio.

<<La situazione è gravissima e il Comune versa in uno stato di isolamento a causa delle frane – afferma Katia Piccardo, Sindaco di Rossiglione -. Il terreno è al collasso, saturo, completamente intriso di pioggia e non ce la fa più.

Temiamo ulteriori movimenti franosi nei prossimi giorni, e abbiamo ancora tantissime criticità che devono essere individuate, ma gli interventi da attuare sono molto al di sopra delle nostre possibilità e risorse>>.

Domani, venerdì 8 ottobre, Anci Liguria sarà in visita ai territori colpiti di Tiglieto, Rossiglione, Pontinvrea e Savona

A Tiglieto il borgo è isolato, la strada per Rossiglione interrotta, il sindaco Giorgio Leoncini è molto preoccupato: <<Abbiamo subito gravi danni alla viabilità, al campo sportivo, l’erosione dell’argine sinistro dell’Orba, che arriva quasi sulla strada, e l’allagamento della farmacia. Il paese è isolato a causa della frana sulla strada tra Tiglieto e Rossiglione e ci vorranno 3 o 4 mesi per liberarla>>.

<<Faremo tutto il possibile per supportare i Comuni che hanno registrato ingenti danni sui territori – afferma il direttore generale di Anci Liguria Pierluigi Vinai -, soprattutto ai tavoli relativi agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico>>.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *