Genova cronaca breve. Battuto a tappeto il centro storico da Polizia e Guardia di Finanza

Genova cronaca breve. Battuto a tappeto il centro storico da Polizia e Guardia di Finanza
Spread the love

Inoltre, lite tra due condomine, furto di carburante, evasione dai domiciliari

Vigilanza nel Centro Storico

Ieri, durante i controlli effettuati nell’intera giornata, la Polizia di Stato in collaborazione, nel turno pomeridiano, con personale della Guardia di Finanza, ha identificato 52 persone e controllato 8 vetture.

Durante il servizio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ed alla verifica dell’applicazione delle misure di contenimento Covid 19, sono stati controllati sei esercizi commerciali.

In un negozio di alimentari etnico la Guardia di Finanza ha elevato una sanzione per irregolarità fiscali, in un negozio di parrucchiere sono stati intimati i presenti e il titolare a rispettare le distanze e l’uso dei dpi.

Sono state effettuate verifiche relative ai mercatini abusivi, spaccio e uso di stupefacenti, degrado.

Nel corso del servizio, è stato controllato e segnalato all’Autorità Giudiziaria un cittadino ecuadoriano pregiudicato, destinatario della misura dell’Avviso Orale del Questore di Genova che si accompagnava con altri pregiudicati.

Intorno alle 23 venivano incrociati, all’altezza di Piazza del Campo, due soggetti extracomunitari che alla vista delle divise hanno repentinamente cambiato strada. I due sono stati controllati ed uno di loro, un 32enne palestinese pluripregiudicato, in preda ai fumi dell’alcool ha opposto resistenza alla Polizia e per questo è stato denunciato a piede libero, oltre che sanzionato per ubriachezza. L’amico, 30enne algerino, pluripregiudicato, è stato anch’egli denunciato per inosservanza al provvedimento di espulsione

 

Lite tra condomini sfocia in rapina. Denunciata una donna – Begato, 18.30

Ieri pomeriggio i poliziotti delle volanti hanno denunciato una 53enne genovese per minacce gravi e rapina.

La donna ha atteso che la sua vicina di casa rientrasse per aggredirla, sia verbalmente che fisicamente, tirandole i capelli e schiaffeggiandola, poiché a suo dire le doveva i soldi dei danni di una perdita idrica. Non contenta, le ha aperto la borsetta, ha preso 30 euro che la vittima custodiva nel portafogli ed è rientrata in casa proferendo minacce di morte al suo indirizzo.

 

Ruba carburante da un camion. Denunciato – Via Solimano, ore 3

La Polizia di Stato di Genova ha denunciato un 49enne genovese per tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere.

Questa notte gli agenti del Commissariato San Fruttuoso sono stati inviati dalla sala operativa in via Solimano dove un camionista, parcheggiando con l’auto davanti al suo mezzo pesante, aveva visto spuntare da sotto il tir un paio di gambe e una grossa tanica.

Vistosi scoperto, il ladro di gasolio si è dato alla fuga, ma i poliziotti lo hanno scovato poco dopo in un parcheggio, nascosto dietro alcune auto. Con le mani ancora sporche di gasolio, il 49enne ha consegnato un coltellino multiuso e due chiavi inglesi. Accanto all’autoarticolato è stata rinvenuta una tanica da 25 litri quasi piena e il tubo di gomma con il quale è stato asportato il carburante.

 

Evade più volte dai domiciliari. Arrestato – Chiavari, ore 13,50

I poliziotti del Commissariato di Chiavari hanno arrestato un cittadino peruviano di 46 anni per esecuzione di un ordine di sospensione provvisoria della misura degli arresti domiciliari.

L’uomo, che deve scontare 2 anni e 6 mesi di reclusione in regime di detenzione domiciliare per aver commesso reati inerenti stupefacenti, si era già “guadagnato” due diffide dal Tribunale di Sorveglianza. Una per aver violato gli obblighi, l’altra anche per non essersi fermato all’Alt delle Forze dell’Ordine mentre guidava senza patente e senza assicurazione né revisione del mezzo.

Qualche giorno fa è di nuovo uscito di casa per protestare contro la commessa di un supermercato che si era rifiutata di vendere alcune lattine di birre al figlio. Molto irritato le ha rivolto minacce ed epiteti pesantemente ingiuriosi.

Il 46enne è stato accompagnato presso la casa di reclusione di Chiavari in attesa della decisione del Tribunale di Sorveglianza.

 

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *