Punto nascite del Santa Corona. Ecco come farlo riaprire

Punto nascite del Santa Corona. Ecco come farlo riaprire
Spread the love

10 passi suggeriti dal gruppo “Giù le mani dal punto nascite del Santa Corona”

Si tratta di un gruppo di oltre 5538 membri (in crescita) che ha promosso una petizione da 4782 firme. Il suo unico fine individuare percorsi che portino alla riapertura del punto nascite.

<<Dopo una riflessione collegata alle possibili azioni che ogni singolo cittadino è in grado di mettere in atto – dicono dal gruppo -, è stato proposto un percorso rivolto a tutte le persone che si vogliono impegnare per far riaprire il punto nascite. Il nome di questo percorso è “10 passi per far riaprire il punto nascite”.

L’idea è che passo dopo passo possiamo raggiungeremo nostro obiettivo di far riaprire il punto nascite. Per arrivarci – concludono – c’è bisogno di una adesione più ampia possibile>>.

Questa la sequenza dei 10 passi:

Passo 1 – Petizione

Passo 2 – Immagine

  • Mettere nella propria immagine di profilo il logo del gruppo o aggiungere il motivo del gruppo.

Passo 3 – Passaparola

Passo 4 – Diffusione

  • Diffondere nei gruppi locali le azioni della nostra campagna.

Passo 5 – Ringraziare

Passo 6 – Distribuzione

Passo 7 – Lettera

  • Scrivere al vostro Sindaco, all’Asl2 e al presidente della Regione per chiedere un impegno concreto per la riapertura del punto nascita suggerendo di attingere dalla graduatoria delle Ostetriche.
  • Per avere bozza della lettera ed elenco contatti scrivere a nascereapietra@gmail.com

Passo 8 – Responsabilità

  • Contattare i cinque consiglieri regionali eletti in provincia di Savona chiedendo il loro impegno immediato per far riaprire il punto nascite.
  • Per avere bozza della lettera ed elenco contatti scrivere a nascereapietra@gmail.com

Passo 9 – Media

  • Contattare giornalisti, redazioni, trasmissioni, radio, blogger, youtuber per chiedere di sostenere la campagna per la riapertura e segnalare disservizi e problematicità in corso.

Passo 10 – Progettare

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *