Controllate 123 persone e 77 veicoli nello spezzino anche col velivolo dei Nec di Albenga

Controllate 123 persone e 77 veicoli nello spezzino anche col velivolo dei Nec di Albenga
Spread the love

Sfugge una donna dopo il furto di un Rolex

Tra venerdì e domenica scorsa, 125 militari della Compagnia carabinieri della Spezia sono stati impegnati in città, sul litorale e nell’entroterra per garantire un fine settimana tranquillo, sia ai residenti sia ai molti turisti che iniziano a frequentare nuovamente il territorio dopo il lungo periodo di restrizioni connesse all’emergenza epidemiologica da covid-19.

L’articolato dispiegamento di uomini e mezzi è stato rivolto alla città di La Spezia, a Portovenere, al litorale delle Cinqueterre che, a salire, conduce sino a Deiva Marina, e all’area del casello autostradale di Brugnato per la presenza del vicino outlet, mèta assidua di visitatori e turisti.

Sono stati predisposti numerosi posti di controllo sulle principali arterie di traffico che conducono alle predette località, potenziati sabato pomeriggio, con l’ausilio di un velivolo Aw-109n Nexus del 15^ Nec (Nucleo Elicotteri Carabinieri) di Villanova di Albenga (Savona), al comando del ten. col. Stefano Saccocci che, dall’alto ed in costante collegamento con le pattuglie a terra, ha efficacemente coordinato i vari posti di controllo e le vigilanze, specie a Portovenere e a Brugnato.

Per la cronaca, i militari hanno controllato complessivamente 123 persone e 77 veicoli, hanno deferito in stato libero all’autorità giudiziaria un pregiudicato 46enne maghrebino, poiché durante un controllo nel quartiere Umbertino ha opposto resistenza ai militari, e sono intervenuti in zona Pieve dove domenica in tarda mattinata un pensionato 75enne, mentre stava rincasando, è stato avvicinato da una giovane donna, con tratti somatici dell’est che, dopo averlo distratto con un pretesto, è riusciva ad afferrargli un orologio in oro Rolex Dav Date di gran valore che l’anziano portava al polso, non senza prima averlo spintonato e fatto cadere a terra.

La giovane donna è riuscita a fuggire salendo a bordo di un’autovettura di colore scuro condotta da un complice mentre per la vittima un grande spavento e qualche contusione. Sull’episodio, non il primo negli ultimi giorni in zona, indaga la sezione operativa che sta raccogliendo ulteriori testimonianze e visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza, recentemente visionabili direttamente presso la centrale operativa del comando di via c.a. dalla Chiesa con collegamento concesso dal comune all’Arma.

 

G. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *